Yoga: esercizi per dimagrire senza stress

-
13/03/2021

Quale posizione yoga per avere l’addome più piatto. Esistono posizioni yoga in grado di rinforzare determinati muscoli ed energizzare l’intero corpo. Vediamo la più adatta per la zona addominale e ombelicale.

navasana 1Si chiama navasana, ovvero posizione del vascello e vi sarà molto utile per ridurre l’adipe localizzato su addome e cosce, dunque proprio l’ideale per il dopo feste.

Questa asana serve anche a consolidare l’equilibrio, rafforzare l’addome, i flessori dell’anca, la zona lombo-sacrale della colonna vertebrale. Ancora può alleviare i disturbi gastrici, stimolare reni, tiroide e intestino.

Eseguiamolo insieme

navasana 2Siediti sul pavimento con le gambe dritte in avanti e il busto perpendicolare a terra. Respira a fondo alcune volte, mantieni l’allineamento dorsale, piega le ginocchia, solleva i piedi e inclinati all’indietro facendo sì che le cosce formino un angolo di circa 45 gradi con il pavimento. Le mani sono a terra, vicino ai fianchi, con le dita rivolte verso i piedi.

Dopo aver trovato l’equilibrio sul bacino, distendi lentamente le ginocchia, portando la punta delle dita dei piedi appena sopra il livello degli occhi.  L’angolo busto-cosce dovrebbe essere di circa 90 gradi. Solleva le braccia tese, finché non sono parallele al pavimento; le mani si troveranno all’altezza delle ginocchia. Allarga le scapole e allungati, partendo dalle dita delle mani.


Leggi anche: I Cinque Tibetani: esercizi yoga per restare giovani

Respira normalmente. Piega leggermente il mento verso lo sterno: in questo modo, la base del cranio si solleva appena, allontanandosi dalla parte posteriore del collo. Mantieni questa posizione dai 10 ai 20 secondi. Prolunga gradualmente la durata della posizione fino a 60 secondi. Sciogli le gambe con un’espirazione e riposati.

Se sei una principiante

navasana 3Ai principianti si consiglia di avvicinarsi a questa posizione eseguendo dei movimenti preparatori che si possono fare in qualsiasi momento, senza neppure alzarsi dalla sedia. Siediti sul bordo anteriore di una sedia con le ginocchia che formano un angolo retto. Afferra i bordi della sedia con le mani e piegati leggermente in avanti.

Blocca le braccia e solleva appena i glutei dalla sedia, poi stacca leggermente i talloni dal pavimento (ma non la parte anteriore della pianta dei piedi). Lascia che la parte alta delle ossa femorali si abbassi seguendo la forza di gravità e spingi la parte superiore dello sterno in avanti e verso l’alto. Attenzione: se hai problemi al collo, per eseguire questa posizione siediti con la schiena vicino a un muro. Mentre inclini il busto all’indietro, appoggia la nuca alla parete.