Tumori cerebrali: sempre più vicini a svelare il mistero

-
20/02/2021

Un’importante scoperta scientifica italiana apre nuove strade nello studio dei tumori cerebrali, segnando una tappa fondamentale per svelare la biologia di un fenomeno così complesso come il cancro, e in particolare di un tipo di tumore così eterogeneo e aggressivo come quello al cervello.

Schermata 2021-02-01 alle 16.45.30


Un recente studio guidato dal Prof. Giuseppe Testa, professore di Biologia Molecolare all’Università Statale di Milano ha identificato un nuovo meccanismo molecolare alla base della formazione dei gliomi (i tumori cerebrali più comuni nell’adulto), candidato ora a diventare un bersaglio da contrastare in maniera specifica come nuova strategia di cura.

Zfp423: l’enzima che rallenta la crescita dei tumori

Schermata 2021-02-01 alle 16.50.40

Il meccanismo individuato all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) si basa sull’azione di un enzima appartenente a un gruppo di proteine chiamato Polycomb, che hanno la funzione fisiologica di disattivare i geni di cui la cellula non ha bisogno in determinate fasi del suo sviluppo.


Leggi anche: Piacere femminile: dettagli sul mistero del punto G

Un ruolo dunque di primaria importanza nella formazione dei tessuti e degli organi, e che può essere gravemente alterato nei tumori.

Infatti, tra i geni bersaglio di Polycomb, la Dr.ssa Elena Signaroldi e il Dr. Pasquale Laise autori principali dello studio, ne hanno scoperto uno, Zfp423, il cui spegnimento influisce nello sviluppo dei gliomi.

In sostanza, l’equipe di ricercatori ha osservato che se Zfp423 rimane acceso, il tumore rallenta la crescita; se invece viene spento, l’aggressività aumenta. Il prossimo passo è quindi trovare un inibitore di Polycomb, che impedisca lo spegnimento di questo gene prezioso.

Analizzando diversi tipi di glioma, prima nei modelli animali e poi nell’uomo, gli scienziati hanno dimostrato il forte valore prognostico di Zfp423 sulla sopravvivenza dei pazienti, con una prognosi nettamente migliore in quei malati in cui i tumori lo hanno mantenuto acceso.

Insomma, una scoperta davvero senza precedenti, che potrebbe portare a salvare moltissime vite!


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica