Tumore al Pancreas: immunoterapia innovativa riduce metastasi

La medicina si avvicina sempre di più alla riduzione della metastasi: è stato adottato un nuovo approccio di immunoterapia che ha permesso di una regressione del tumore al pancreas. Ecco di cosa si tratta.

Tumore al Pancreas: immunoterapia innovativa riduce metastasi

In un paziente con cancro al pancreas in fase avanzata è stata osservata una riduzione del 72% delle dimensioni delle metastasi. Una buonissimo risultato per il trattamento del tumore al pancreas.

A mettere in atto il nuovo trattamento il Providence Cancer Institute. Il New England Journal of Medicine ha pubblicato i risultati sorprendenti, anche se per ora il trattamento è stato applicato solo su una paziente.

Il nuovo trattamento per il tumore al pancreas sarà presto sperimentato

Tumore al Pancreas: immunoterapia innovativa riduce metastasi

Per quanto la novità sia lieta, i ricercatori hanno specificato che per ora il risultato tanto positivo è stato ottenuto su un singolo paziente, ma sarà presto avviata una sperimentazione di fase I per verificare la sicurezza e l’efficacia del nuovo trattamento.

Per quanto riguarda il primo tentativo di successo, protagonista è stata una donna di 72 anni. La paziente era già stata sottoposta a diversi trattamenti, tra la chirurgia, ma radioterapia,  cicli di chemioterapia, un trattamento sperimentale con cellule immunitarie anti-cancro.

Per quattro anni purtroppo i diversi approcci non hanno ridotto la metastasi, fino a quando non è stata messa a punto la nuova strategia. Questa prevede il prelievo dei linfociti T, la successiva modifica genetica finalizzata a far riconoscere ai linfociti alcune forme mutate del gene KRAS, ovvero quelle che sostengono la crescita del tumore e la successiva reinfusione delle cellule immunitarie.

Da un mese dal trattamento c’era già una riduzione del 62% delle dimensioni delle metastasi polmonari. Dopo ulteriori sei mesi i ricercatori hanno invece osservato una riduzione del 72%.

Non ci sono trattamenti davvero efficaci per il cancro del pancreas metastatico. Il fatto che una singola infusione di cellule T riprogrammate possa causare la riduzione del cancro al pancreas metastatico per oltre sei mesi mi rende ottimista sul fatto che siamo sulla strada giusta. Ora dobbiamo rendere questa terapia più potente e farla funzionare in più pazienti.

Ha precisato il coordinatore del trattamento ancora sperimentale ma a quanto pare potenzialmente salvifico, Eric Tran. La strada dunque è ancora lunga ma sicuramente quella delle ultime ore è una notizia che regala molta speranza.