Stigma invisibile: l’HIV come non l’avete mai vista in TV

Utilizzare i mezzi di comunicazione per sensibilizzare: è ciò che una nuova serie TV si è posta come obiettivo, mostrando come cambi la vita di chi convive con un virus di cui tanto si parla ma poco si conosce: l’HIV.

Stigma invisibile: l’HIV come non l’avete mai vista in TV

Cinque episodi volti a mostrare cosa voglia dire convivere con l’HIV, virus alla base della malattia conosciuta come AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).

Uno dei disagi maggiori causati dall’HIV è la riduzione delle difese immunitarie dell’organismo. Il virus distrugge le cellule CD4, fondamentali per difendere il corpo dalle infezioni.

Di HIV si parla spesso ma c’è ancora molta ignoranza, da chi ignora del tutto il virus a chi non comprende ancora l’importanza della prevenzione, a chi crede troppo facilmente ad alcuni falsi miti creatosi attorno al virus.

Ed ecco come Stigma invisibile, nuova serie disponibile su Discovery+ dallo scorso 4 maggio, voglia fare chiarezza sull’HIV attraverso un linguaggio che possa essere alla portata si chiunque: quello filmico.

Stigma invisibile, le storie di vita dei sieropositivi

Stigma invisibile: l’HIV come non l’avete mai vista in TV

La serie TV che sta interessando sempre più il pubblico è strutturata in cinque episodi durante i quali si mostrano le vite di persone che hanno contratto il virus HIV. Disponibile sulla piattaforma di streaming online Discovery+, Stigma invisibile intende sensibilizzare sulle problematiche che sopraggiungono dal momento in cui un soggetto scopre di avere anticorpi per il virus HIV: prova che ha dunque contratto l’infezione.

La serie ha raccolto  storie vere di persone sieropositive, che appunto sono coloro che nel sangue hanno anticorpi specifici per HIV. Essere sieropositivi significa aver contratto l’infezione da HIV, ma significa anche molto altro. E Stigma invisibile intende mostrarlo quanto più possibile.

Il focus della serie è infatti raccontare il cambiamento della quotidianità delle persone che hanno contratto l’infezione. Non solo, anche il titolo suggerisce l’importanza di eradicare lo stigma sociale che rende una situazione già difficile ancora più ardua. Una serie che informa, che sensibilizza e che racconta la situazione in Italia di un problema diffuso in tutto il mondo.

In Italia vivono oltre 120mila persone con HIV, e circa 18mila non sanno di essere infette. Si è tornati a parlare della serie a quasi tre mesi di distanza per l’importanza che questa sta avendo e ha avuto per promuovere la sensibilità rispetto al tema dell’HIV.

L’arte utilizzata ancora per stimolare le istituzioni, rendere consapevoli i cittadini e dare voci a delle minoranze.