Resveratrolo: cos’è e benefici

-
01/05/2021

Entro cinque anni potrebbe arrivare una pillola dell’eterna giovinezza basata sul resveratrolo, uno dei più famosi componenti del vino rosso sulle cui capacità erano però sorti dubbi. Vediamo cosa dicono alcune recenti richieste.

Schermata 2021-02-25 alle 17.25.40

Uno studio pubblicato dalla rivista Science di David Sinclair, uno scienziato australiano che lavora all’università di Harvard ha reso noti i risultati di una ricerca ha provato che un enzima anti-invecchiamento del corpo umano, chiamato Sirt1, che può essere “acceso” dal resveratrolo insieme a degli attivatori sintetici.

Lo studio è riuscito a trovare il meccanismo con cui avviene l’attivazione dell’enzima, che secondo l’autore principale può prevenire diverse malattie, dal cancro all’Alzheimer al diabete di tipo 2.

Resveratrolo: dal vino la cura per varie patologie

Schermata 2021-02-25 alle 17.28.42

”Questa classe di farmaci potrà essere usata per trattare una singola malattia, ma ne potrà prevenire altre 20, rallentando nei fatti l’invecchiamento”.


Leggi anche: Fisioestetica: cos’è e quali sono i benefici

ha spiegato Sinclair. I primi studi del ricercatore sul resveratrolo risalgono al 2006, quando dimostrò che la sostanza poteva allungare la vita dei topi del 15%.

La ricerca fu però al centro di contestazioni da parte di diversi scienziati, secondo cui era falsata da errori. Questo non ha impedito a Sinclair e alcuni colleghi di fondare la Sirtris, una start up per lo sviluppo farmaceutico dell’idea poi ceduta alla GlaxoSmithKline.

Attualmente l’azienda ha allo studio quattrocento attivatori, tutti potenti almeno quanto 100 bicchieri di vino, tra cui i migliori tre, contro diabete e una malattia della pelle chiamata psoriasi, già nella fase di test sull’uomo.

 ”Anche se per ora ognuno di questi farmaci dovrebbe essere prescritto per una malattia un giorno potrebbe essere disponibile una pillola ‘preventiva’. Stiamo lavorando sugli effetti sulle persone sane, e i primi risultati sono promettenti”.

ha spiegato il ricercatore, entusiasta dei primi risultati e speranzoso affinché questi portino a risultati definitivi e approvati dalla comunità medica!


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica