Pillola e mestruazioni: cosa c’è da sapere

-
21/04/2021

Fa ingrassare? La possono prendere anche le giovanissime? Peggiora l’umore? Sono solo alcune delle tante domande che da sempre accompagnano chi decide di affidarsi alla contraccezione ormonale al fine di evitare gravidanze indesiderate.

MESTRUAZIONE

Per offrire ad ogni donna risposte sicure, e informarle sulla correlazione tra pillola e mestruazione, la Società Italiana della Contraccezione (Sic) ha stilato un Decalogo, disponibile da oggi alla pagina web www.sicontraccezione.it.

“Il nostro obiettivo – spiega il professor Annibale Volpe, past president della Sic – è quello di demolire i falsi miti legati al sanguinamento in fase di contraccezione ormonale”.

Volper poi continua spiegando:

“Molte donne pensano ancora che più mestruazioni si hanno, più si è in buona salute. Il gentil sesso spesso ignora che a oggi il numero di gravidanze per ogni donna si è ridotto enormemente, ma che il loro corpo non si è ancora adattato al cambiamento: avere meno cicli significa solamente non incappare in alcuni disturbi di salute specifici, quali, per esempio, emicrania endometriosi.”


Leggi anche: Truffe nel turismo medico: cosa c’è da sapere

Il decalogo sulla contraccezione

Mestruazioni

Inoltre, il Decalogo chiarisce anche la differenza tra il ciclo mestruale “naturale” e quello provocato dalla pillola: “Lo scopo delle mestruazioni è di creare un ambiente favorevole all’impianto dell’embrione.

Di contro, la pillola mette a riposo completamente le ovaie e, grazie agli ormoni contenuta in essa, la mucosa uterina continua a crescere finché, alla sospensione mensile del contraccettivo, si sfalda”. “Occorre aggiungere” sottolinea la dottoressa Franca Fruzzetti, della Clinica Ostetrica e Ginecologica Universitaria, del S. Chiara di Pisa:

“Circa il 60% delle donne italiane vorrebbe o non avere affatto il ciclo oppure averlo a intervalli più distanziati: ottenere questo risultato attraverso la pillola non solo è possibile, attraverso un’assunzione in continuo, ma è anche indicato”.

Il perché è semplice:

“Anzitutto il ciclo provoca importanti modificazioni a livello dell’endometrio e, da qui, flussi molto abbondanti che possono causare anemia, stanchezza, irritabilità e, in casi estremi, endometriosi, tumori dell’ovaio e l’acuirsi di molte malattie”.


Vito Girelli
Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d'impresa
Esperto in: Benessere e Lifestyle
Suggerisci una modifica