Parlare di salute mentale è importante: interviene anche una star internazionale

Francesca Naima
  • Appassionato di Medicina e Salute

Dalla pandemia si sente parlare di salute mentale un po’ più di prima, ma c’è da ammettere quanto sia ancora troppo difficile toccare certi argomenti, informarsi a riguardo e comprenderne l’importanza. A sottolineare il fatto anche una famosa cantante e attrice.

Parlare di salute mentale è importante: interviene anche una star internazionale

Parlare di salute mentale dovrebbe essere facile come consigliare un rossetto.

Sono le parole di Selena Gomez, cantante e attrice di fama internazionale. Un personaggio pubblico che solleva questioni simili è sempre di buon auspicio, vista la risonanza che le parole di persone tanto seguite possono avere.

Ma la Gomez da tempo cerca di sensibilizzare sull’argomento, visto come il delicato argomento della salute mentale la tocchi in prima persona.

Selena Gomez è tornata sull’argomento quando intervistata da Vanity Fair per  il marchio di make-up da lei fondato Rare Beauty:

 Per Selena la bellezza è un importante strumento con cui prendersi cura delle persone e per celebrare cosa ci rende differenti.

Scrive Vanity Fair precisando come la cantante abbia ben presente quanto l’estetica possa giocare un ruolo imponente sulla percezione mentale del sé.

Selena Gomez parla di salute mentale

Parlare di salute mentale è importante: interviene anche una star internazionale

Normalizzare il fatto di ammettere di avere un problema, di andare tranquillamente in terapia, è una questione di fondamentale importanza e che sta molto a cuore a Selena Gomez, tanto che la cantante ha creato un’app volta ad aiutare i più nel sentirsi a proprio agio sulla questione.

Wondermind è proprio una piattaforma digitale creata per aiutare le persone a stare meglio. E anche la sua linea di make-up, Rare Beauty, segue la stessa linea, perché lo scopo è cambiare prospettiva su come si narra e si percepisce la salute mentale.

Parlare, educare sul tema, fare sentire gli altri accolti e non giudicati è un primo essenziale step:

Quando mi sono resa conto di stare male, ho cercato supporto e i medici sono stati in grado di darmi una diagnosi chiara. È stato un momento, quello della diagnosi, in cui ero terrorizzata e sollevata allo stesso tempo. Ovviamente ero terrorizzata perché il velo era stato sollevato (e sapevo che c’era un problema). Ma sollevata perché finalmente conoscevo il motivo della mia sofferenza e di così tanti anni di depressione e ansia.

Aveva raccontato Selena Gomez lo scorso anno. Ora, è tornata sull’argomento in occasione dell’intervista di Vanity Fair sul suo marchio di trucchi, perché il desiderio della Star è:

Che tutte noi possiamo sentirci “Rare”, attraverso il suo make-up inclusivo che vuole valorizzare proprio ciò che ci rende differenti, speciali.

Come ha riportato Vanity Fair. Alle domande poste alla cantante, specialmente su come valorizzare la propria unicità attraverso il make-up, l’attrice ha detto:

Ho sempre visto il trucco come una forma di espressione personale. Il trucco non è qualcosa di cui hai bisogno, è qualcosa con cui ti diverti. Quindi non abbiate paura di provare nuovi look e di cambiarli a seconda del vostro umore.

E invece rispondendo alla domanda se ci sia un “Filo che lega il make-up alla salute mentale”, la Gomez ha detto:

Assolutamente. C’è così tanta pressione oggi sull’apparire in un certo modo. L’ho sentito sulla mia pelle e ho tanti amici che provano la stessa cosa. Con Rare Beauty voglio cancellare quella pressione e celebrare il fatto che siamo unici. Voglio anche rimuovere lo stigma che riguarda i problemi di salute mentale: penso che parlare di salute mentale dovrebbe essere facile come consigliare un rossetto.