Orecchie a “sventola”, come correggerle chirurgicamente

-
17/04/2021

Così grandi e sporgenti da ricordare quelle del simpaticissimo elefantino Dumbo, le orecchie a ventola (è questo il nome corretto, anche se di solito si aggiunge una “s”) possono diventare un problema serio già a partire dai 7-8 anni.

Teenage-Otopasty-result-right-side-view-dr-Barry-Eppley-Indianapolis

Poco diplomatici – e forse anche un po’ maleducati– i coetanei non esitano a prendere ispirazione dai voluminosi padiglioni per inventare soprannomi buffi e battute al vetriolo. Insomma, è un difetto come tanti, ma può diventare una fonte di infelicità. Da qui l’idea di sottoporsi all’intervento in età pediatrica.

Orecchie a sventola? La tecnica chirurgica

5f5805bf8442fa831ec1e8c7_Ears-Girl-1000px

“Si può programmare un’otoplastica a qualsiasi età. L’unico requisito è che i padiglioni auricolari siano completamente formati, cosa che avviene di solito entro i 6 anni

assicura Marco Klinger, professore di Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università degli Studi di Milano –Istituto Clinico Humanitas. Eseguito in anestesia locale negli adulti, poi, l’intervento è di solito praticato nei bambini in anestesia generale.


Leggi anche: Orecchie a sventola: nuovo rimedio definitivo

“Proprio per una questione d’età, non si può fare affidamento sulla loro collaborazione. In ogni caso, si tratta di un intervento piuttosto semplice, che dura circa un’ora e che prevede il rimodellamento della cartilagine dei padiglioni auricolari. Le cicatrici sono piccole e quasi invisibili, essendo poste nella parte posteriore del padiglione, vicino alla testa. La convalescenza è minima: dopo l’intervento si applica una fasciatura a turbante, da indossare per 12-24 ore“.

Dopo, i bambini che usano gli occhiali possono ritornare tranquillamente a indossarli. Per tutti –occhialuti o non– l’unica cautela è quella di fasciare le orecchie per le prime 7-8 notti, in modo che rimangano ben vicine alla testa. Nessun problema anche per togliere i punti, che di norma sono riassorbiti dai tessuti.

Insomma, la medicina sta facendo davvero passi da gigante: non solo per quanto riguarda malattie e disturbi che non si vedono ma anche per i piccoli difetti che rischiano di rendere la vita davvero difficile.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica