Occhi arrossati e irritati: rimedi naturali

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Se in seguito all’esposizione al vento, sia al mare sia in montagna, oppure alla luce forte e impietosa del sole estivo, gli occhi si arrossano e manifestano bruciore oppure un senso fastidioso di prurito, come se fossero pieni di sabbia, significa che la congiuntiva (la membrana che ricopre il bulbo oculare e la parte interna delle palpebre a scopo protettivo contro gli agenti esterni) si è irritata. Come si può risolvere questo fastidioso problema?

Schermata 2021-06-24 alle 23.52.18

Il sintomo non va sottovalutato e bisogna subito intervenire con semplici rimedi naturali, prima che la situazione si aggravi. Naturalmente il primo consiglio è quello di portare sempre adeguati occhiali da sole di buona qualità, quando ci si deve esporre al sole o al vento; il secondo consiglio è quello di resistere alla tentazione di sfregare gli occhi: peggiorerebbe la situazione.

Infuso di camomilla per gli occhi arrossati

Schermata 2021-06-24 alle 23.53.49

È il primo semplice rimedio di sicura efficacia. Preparate un normale infuso di camomilla con i fiori essiccati (non le bustine) sia di camomilla comune sia di camomilla romana, lasciandoli in infusione 15-20 minuti nell’acqua bollente; trascorso questo tempo, filtrate con un telo pulitissimo o con la carta da filtro, poi aggiungete un cucchiaio di zucchero bianco e fatelo sciogliere bene; lasciate raffreddare e infine imbevete una garza (non il cotone, che deposita pelucchi!) nell’infuso e fate impacchi sugli occhi, facendo anche scorrere la camomilla all’interno dell’occhio.

In alternativa potete fare lavaggi con l’apposito bicchierino oculistico. L’operazione può essere ripetuta tre volte al giorno.

Anche il fiordaliso può aiutarti

Schermata 2021-06-24 alle 23.54.45

Preparate un infuso, mettendo un cucchiaio di fiori essiccati di fiordaliso, acquistati in erboristeria, in un tazzone d’acqua bollente e lasciate in infusione per 10 minuti, a recipiente coperto.

Procedete poi come per la camomilla, ma senza zuccherare. Applicate le compresse di garza imbevute nell’infuso freddo sugli occhi e lasciatele per circa 15 minuti, poi sostituitele e ripetete l’operazione 3-4 volte, mattina e sera. È anche possibile trovare in commercio l’acqua floreale di fiordaliso già pronta, da impiegare in modo analogo all’infuso.

Decotto di eufrasia: un ottimo alleato

I danni dovuti a una eccessiva esposizione degli occhi ai raggi UVA possono essere ripbarati anche con l’eufrasia, una pianta altamente benefica per gli occhi, con azione antinfiammatoria e decongestionante, che si può acquistare in erboristeria.

Si fanno bollire per 15 minuti 15 grammi di fiori essiccati di eufrasia in un litro d’acqua, poi si filtra e si lascia raffreddare il decotto: lo si utilizza in modo analogo all’infuso di fiordaliso o di camomilla.