Meteoropatia: cos’è e come si cura

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi

Se non ti senti bene nelle ore immediatamente precedenti a un cambiamento del tempo, potresti soffrire di meteoropatia, come tre italiani su dieci. Le brusche variazioni climatiche infatti, possono causare nervosismo immotivato, ansia, mal di testa, pesantezza degli arti, ma anche accentuare l’intensità dei sintomi di alcune patologie. Conosciamo meglio questo particolare disturbo.

Schermata 2021-06-18 alle 11.34.38

Come si fa a capire se c’è un legame tra il proprio stato di salute e i capricci del tempo? I segnali non mancano e cominciano a manifestarsi già nelle 24-48 ore precedenti l’arrivo di un cambiamento meteorologico.

Perché si soffre di meteoropatia

Schermata 2021-06-18 alle 11.27.03

Secondo quanto dimostrato da una ricerca dell’Università di Milano,

“Quando cambia il tempo, l’aria si carica di elettricità. In genere l’ipotalamo se ne “accorge”, a volte addirittura 48 ore prima, e modifica il suo funzionamento in modo da evitare che il nostro organismo ne risenta. In alcune persone però, per motivi che non sono del tutto chiari, questo meccanismo non è coordinato ed ecco che si manifestano i ben noti sintomi”.

Per dare un’idea, una perturbazione può aumentare di intensità un disturbo che hai già, come il mal di denti o i dolori reumatici; mentre un vento freddo, come la tramontana o il grecale, potrebbe scatenare un peggioramento delle tue crisi di asma oppure dare palpitazioni al cuore.

Un vento caldo, come il Fohn o lo Scirocco, causa spesso una stanchezza esagerata oppure, al contrario, irrequietezza. Un brusco sbalzo termico invece, con aumento o diminuzione della temperatura di molti gradi, può provocare emicranie anche molto intense.

Meteoropatia: chi ne soffre

Schermata 2021-06-18 alle 11.20.52

“Una volta nella vita può accadere a tutti di “sentire” l’arrivo di un temporale particolarmente minaccioso”,

interviene il professor Massirone.

“C’è chi invece soffre di una vera e propria sensibilità meteoropatica, specialmente quando l’organismo è più vulnerabile, come durante un periodo di super-lavoro oppure nella settimana precedente all’arrivo delle mestruazioni.

C’è anche chi è un vero barometro e rileva ogni cambiamento di tempo. In questo casi, per avere conferma di soffrire di meteoropatia, ci si può sottoporre al test di Gualtierotti-Tromp, che viene eseguito nei principali Centri di bioclimatologia.

Il medico misura la temperatura del palmo della mano sinistra, che è in genere di circa 32 °C, quindi la si immerge per due minuti in una bacinella di acqua fredda a 10 °C. Si torna a una nuova misurazione della temperatura e se questa nell’arco di sei minuti non è ancora tornata alla normalità, significa che il soggetto è meteoropatico”,

conclude il professor Massirone.

Curare la meteoropatia

Schermata 2021-06-18 alle 11.52.46

Se il tuo “mal di tempo” ti rende irritabile, la sera puoi sorseggiare una tisana preparata con fiori di arancio, petali di rosa e anice. Se noti che il disturbo di cui stavi già soffrendo sta peggiorando, puoi prendere un antidolorifico senza aspettare che il male diventi insopportabile.

Per “allenarel’ipotalamo ad abituarsi alle variazioni di temperatura, si possono fare dei bagni alternando acqua calda e fredda, che hanno un effetto tonico su tutto l’organismo. Le misure ideali però, vanno prese per i disturbi che si acutizzano con i cambiamenti meteorologici.

Per esempio, chi soffre di dolori reumatici potrebbe sottoporsi a un ciclo di fisioterapia; contro le palpitazioni, per regolarizzare il cuore, si può adottare una dieta a base di pesce; mentre se il tuo problema è la stanchezza, puoi provare con degli integratori di vitamine e minerali.