Malattia di Lyme: sintomi, conseguenze e diffusione in crescita nel mondo

Ultimamente si è parlato molto spesso della malattia di Lyme di cui soffre il noto cantante Justin Bieber, e sembra che ora si stia diffondendo sempre più…

Malattia di Lyme: sintomi, conseguenze e diffusione in crescita nel mondo

Qualche giorno fa la malattia di Lyme (chiamata anche borreliosi di Lyme) ha iniziato a fare sempre più notizia. Il motivo? Justin Bieber, noto cantante di fama internazionale ha dovuto interrompere il tour proprio perché affetto dal disturbo:

Ho fatto di tutto per stare meglio ma la mia malattia sta peggiorando. Mi si spezza il cuore ma dovrò cancellare i miei prossimi show su ordine dei medici.

Aveva scritto qualche giorno fa Bieber su Instagram, informando i fan della sua situazione.

La malattia di Lyme è una patologia infettiva di natura batterica e su Più Sani Più Belli è già stato trattato l’argomento, per informare circa l’origine della malattia e cosa questa provochi, ma anche indicare la prevenzione generale e la cura idonea.

La malattia è ora in procinto di diffondersi sempre più, tanto che potrebbero esserci complicazioni.

Malattia di Lyme: si espande sempre più

Malattia di Lyme: sintomi, conseguenze e diffusione in crescita nel mondo

Dagli ultimi dati pervenuti, la malattia di Lyme potrebbe espandersi sempre di più nel mondo. Una delle cause è relativo al caldo sempre più imponente. A parlare della repentina diffusione della malattia trasmessa dalle zecche, un nuovo studio pubblicato sulla rivista BMJ Global Health.

La malattia di Lyme, causata da un batterio chiamato Borrelia burgdorferi, si è diffusa sempre più velocemente soprattutto negli ultimi dieci anni:

I nostri risultati indicano che la prevalenza di B. burgdorferi nel 2010-2021 è stata superiore a quella del 2001-2010.

Hanno precisato i ricercatori, spiegando anche come il riscaldamento climatico favorisca la resistenza di determinati agenti patogeni.

Nello studio effettuato dalla Kunming Medical University in Cina sono stati analizzati dati di 89 altre ricerche condotte tra gennaio 1984 e dicembre 2021.

I ricercatori hanno poi esaminato gli anticorpi indicanti un’infezione causata dalla malattia di Lyme, attestando che il tasso globale di infezione da malattia è ora nel mondo parti al 14,5%.

E i luoghi con il tasso più alto della malattia sono: Europa centrale (20,7%), Asia orientale (15,9%) ed Europa occidentale (13,5%).

I tassi più bassi – entro il 5% – sono invece nei Caraibi, nell’Asia meridionale e in Oceania, ma anche il Nord America ha una situazione più tranquilla rispetto all’Europa centrale: il tasso di infezione è minore del 10%.