Lombalgia: come alleviare il dolore

La lombalgia è un disturbo sempre più diffuso; se il dolore non scopare nel giorno di pochi giorni vediamo cosa poter fare per alleviare il dolore.

young-woman-standing-touching-lower-back-feeling-painful-sensations-high-quality-photo

La lombalgia è un problema universale. E, se di solito scompare dopo pochi giorni, nel 10 o nel 20% dei casi può diventare cronica.

A volte è possibile sapere qual è la causa (ad esempio, un’ernia del disco, un nervo schiacciato, artriti o fratture osteoporotiche), ma più spesso non si riesce a individuare: la lombalgia può colpire anche chi è assolutamente
in buona salute, ma ha i muscoli della schiena più deboli della media o, magari, fa poca attività fisica.
Il rischio aumenta anche con l’età. Dagli esperti dell’Università di Berkeley (www.berkeley.edu), qualche strategia per alleviare il dolore.

Come alleviare il dolore di una lombalgia


Leggi anche: Come alleviare il dolore: basta incrociare le braccia

Man holds his back due to pain

• Provate con il ghiaccio o con il calore. Uno dei due (o entrambi) possono rivelarsi efficaci.
• Provate con gli antidolorifici da banco: paracetamolo (che ha meno rischi di effetti collaterali), aspirina, ibuprofene o naprossene. Possono aiutare a superare la fase peggiore, fino a quando potrete tornare alle vostre attività normali.
• Il riposo a letto non è una buona idea, anzi può peggiorare la situazione. Se il dolore vi impedisce di muovervi, va bene stare coricati, ma solo per uno o due giorni al massimo. Meglio riprendere a camminare prima possibile. • Quando siete coricati, state sdraiati sul fianco con un cuscino tra le ginocchia.

• L’esercizio fisico, come camminare, nuotare, fare stretching e yoga dolce, può alleviare il dolore. Un programma di allenamento regolare può aiutare a prevenire il mal di schiena.

• Anche un massaggio professionale può essere utile.
Ma se questi accorgimenti non bastano, e dopo due o tre giorni il dolore non è ancora passato, chiamate il medico. Segnali da non sottovalutare sono intorpidimento, formicolio, debolezza degli arti, intestino o vescica deboli, nausea, febbre e vomito.


Paolo Cesarotti
  • Nutrizionista
  • Laureato in Scienze biologiche con indirizzo Bio-Sanitario
  • Master in medicina d'urgenza
Suggerisci una modifica