Infarto e Ictus: come riconoscere il rischio?

Quando il cuore va in fibrillazione e il suo battito diventa irregolare, il rischio peggiore è che si venga colpiti da un ictus cerebrale.

i-consigli-per-un-cuore-sano-e-giovane-1200-675

Un ictus su cinque è causato dalla fibrillazione. Seicentomila italiani fibrillano, molti di questi non lo sanno.

L’ictus da Fibrillazione atriale è spesso mortale: 30 persone su 100 fra quelle colpite non lasceranno l’ospedale, 20 moriranno entro un anno. E molti rimarranno invalidi, a lungo, o per sempre. Eppure, l’ictus cerebrale può essere evitato se la fibrillazione atriale viene riconosciuta per tempo e il paziente curato in modo appropriato.

Oggi sono 10 milioni i cittadini europei  affetti da fibrillazione atriale, entro il 2050 saranno 20 milioni.

I medici dispongono di metodi efficaci per fare diagnosi e per curare. I pazienti hanno a disposizione l’informazione e la possibilità di riconoscere la fibrillazione semplicemente mettendo due dita sul polso. Se batte in modo irregolare, sarà un ECG a confermare oppure no la diagnosi.

In una popolazione ad alto rischio come gli anziani, i cardiopatici, i diabetici e quanti hanno familiarità con malattie del cuore, delle arterie o delle vene, imparare a sentire il battito del cuore sul polso aiuta a salvare la vita.

Per sollecitare le persone di ogni età a imparare a tastarsi il polso ALT – Associazione lotta alla Trombosi e alle malattie Cardiovascolari presenta, in occasione della Giornata nazionale della Fibrillazione Atriale, sabato 3 ottobre, il Video-Cartoon e Poster “Senti il tuo cuore e salva il tuo cervello”, perché riconoscere la fibrillazione atriale vuol dire evitare l’ictus cerebrale.

Il Video-Cartoon che insegna a sentire il battito del cuore sul polso, un gesto a prova di bambino che può salvare la vita a tanti, è realizzato da ALT ed accessibile su www.trombosi.org

Per saperne di più sulla fibrillazione atriale e sui disturbi del ritmo del cuore: www.trombosi.org/SALTO 

Per tutte le altre info sulla giornata nazionale per la fibrillazione atriale organizzata in diverse città italiane:  www.trombosi.org