Il check-up per la sindrome metabolica

A cura del prof. Pier Luigi Rossi, Medico Specialista di Medicina Preventiva e Scienza dell’Alimentazione. www.pierluigirossi.it; vediamo insieme il check-up completo per scoprire se si è affetti da sindrome metabolica.

doctor-1228627_1920

La sindrome metabolica è una patologia che si verifica quando sono presenti almeno tre dei seguenti cinque sintomi:

  • circonferenza vita superiore a 102 cm nell’uomo e 88 nella donna;
  • pressione arteriosa superiore a 130/85 mmHg;
  • glicemia superiore a 100 mg/100 ml; trigliceridi superiori a 150 mg/100 ml;
  • colesterolo HDL (detto “buono”) inferiore a 40 mg/100 ml per gli uomini e a 50 mg/100 ml per le donne.

Tutti questi fattori, se associati, concorrono a predisporre la persona che ne soffre in una fascia di rischio elevata per malattie come diabete e steatosi epatica (fegato grasso). Ma soprattutto è causa dell’allarme rosso per i cuori delle donne in menopausa. I

dati, purtroppo, sono allarmanti: si stima che siano colpiti da sindrome metabolica circa 5 milioni di adulti, di cui più della metà possiede un indice di massa corporea superiore a 30. Ma non risparmia neppure i bambini. Purtroppo, molto spesso, chi ne soffre non ne è consapevole, e generalmente vengono curati con farmaci i singoli sintomi (come il diabete o l’ipertensione).

Inoltre, non tutti sono a conoscenza del fatto che la principale causa delle loro patologie è l’eccessivo grasso addominale, un fattore di rischio preoccupante per la salute, che predispone a una rapida decadenza funzionale ed estetica, nonché a un rapido processo infiammatorio e di invecchiamento su tutto il corpo. Misurazioni della circonferenza della vita e della pressione arteriosa sono controlli doverosi, da fare personalmente. Oltre a questi, si può effettuare una analisi del sangue che andrà a verificare se si è a rischio sindrome metabolica.

I valori da indagare

doctor-5342890_1920

  1. Proteina C Reattiva
  2. Trigliceridi e colesterolo totale HDL – LDL
  3. Aldosterone
  4. Omocisteina
  5. Insulina e glicemia a digiuno, emoglobina glicata
  6. C – Peptide
  7. Cortisolo
  8. Testosterone

Andiamo a valutarli nello specifico.

  • Proteina C Reattiva (PCR)

Esprime il processo infiammatorio diffuso che l’obesità viscerale addominale causa in una persona in soprappeso oppure obesa. Se il suo valore è elevato è necessario ridurre la circonferenza addominale ridurre del 10% il proprio peso corporeo.

  • Trigliceridi e colesterolo totale HDL – LDL

Il colesterolo LDL è una parte del colesterolo totale e, insieme ad alti livelli di trigliceridi, partecipa alla formazione della placca aterosclerotica con restringimento del diametro delle arterie.

  • Aldosterone

Si tratta di un ormone secreto dal surrene che causa ipertensione.

  • Omocisteina

È una molecola più aggressiva dello stesso colesterolo contro le pareti arteriose. Deriva da un aminoacido essenziale, la metionina, introdotto con un’alimentazione giornaliera composta in prevalenza con alimenti di origine animale, carne rossa e bianca, un eccesso di formaggi e latticini, salumi, un eccesso di pasta e prodotti contenenti farina di grano duro e una carenza di alimenti vegetali freschi.

  • Insulina, glicemia ed emoglobina glicata

Un eccesso di alimenti come pasta, pane, patate, dolci, miele e zucchero causano un aumento della glicemia con bruschi rialzi dell’insulina nel sangue. Ma anche un fegato steatosico (grasso) e un eccesso di massa grassa corporea causano un aumento di insulina, condizione che porta allo stress ossidativo con formazione di radicali liberi dell’ossigeno, molecole aggressive contro le pareti delle arterie. Un eccesso di insulina e glicemia porta anche a valori elevati di emoglobina glicata e a un invecchiamento precoce. Se questo valore è superiore a 6, fate attenzione perché significa che è presente nell’organismo un processo di rapido invecchiamento.

  • C – Peptide

La C-Peptide esprime la funzionalità delle beta cellule del pancreas. Nelle persone affette da diabete i suoi valori sono bassi.

  • Cortisolo

È l’ormone dello stress metabolico e psichico. In persone affette da sindrome metabolica può risultare aumentato, causando una perdita di massa magra muscolare e un accumulo di grasso addominale.

  • Testosterone

Chi soffre di sindrome metabolica tende ad avere bassi livelli di testosterone.