Gambe gonfie e pesanti: sintomi e autodiagnosi

-
22/01/2021

Con le prime giornate calde primaverili a lamentarsi di “avere le gambe pesanti” sono veramente in tanti, specialmente le donne, che raggiungono quasi il 70%. Ecco alcuni consigli per risolvere questi fastidiosi sintomi e valutare quale potrebbe essere il problema insieme ad uno specialista.

Schermata 2021-01-21 alle 17.34.49


La sensazione di gambe stanche è uno dei primi segnali di un’insufficienza venolinfatica agli arti inferiori, che peggiora con il caldo e si manifesta con diversa intensità, provocando per l’appunto una sensazione di pesantezza, gonfiore, calore localizzato alle gambe o ai piedi, talvolta crampi notturni o un senso di nervosismo diffuso alle gambe.

“Spesso questi sintomi sono così ‘leggeri’ da essere sottovalutati. È però sbagliato, perché si tratta del primo segnale di uno stato di sofferenza circolatoria, caratterizzata da un’alterazione nel reflusso venolinfatico delle gambe. Con il tempo, possono comparire capillari e vene varicose oppure una trombosi delle vene profonde, con gravi rischi per la salute generale”.


Leggi anche: Thigh gap: cos’è e da dove ha origine?

spiega il professor Pierantonio Bacci, docente di flebologia e chirurgia estetica dell’Università degli studi di Siena e presidente dell’Accademia Italiana di Flebologia di Arezzo.

L’autodiagnosi

Schermata 2021-01-21 alle 17.37.25

Un primo controllo per capire se si tratta di insufficienza venosa si può già fare grazie con l’autodiagnosi. Il gonfiore ha caratteristiche ben precise: è presente di frequente, più lieve al mattino che alla sera, nella zona gonfia la pelle sembra tesa ma è molle quando si schiaccia delicatamente con un dito e dopo aver premuto rimane come una fossetta per qualche istante, la sera la gamba è calda, camminando migliora.

“Questa verifica va fatta da tutti ma soprattutto da chi ha in famiglia precedenti di disturbi alle vene, da chi è in sovrappeso, da chi ha avuto almeno una gravidanza e da chi prende la pillola estro progestinica, perché in questi casi il rischio di soffrire di questa malattia è del 50% in più rispetto a chi non rientra in queste categorie”.


Arianna Preciballe
Laureata in Fashion Design
Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
Suggerisci una modifica