Escherichia Coli: cosa evitare

L’Italia è tra i primi posti in Europa per quanto riguarda la sicurezza alimentare. Lo stesso non si può dire della Germania che è stata afflitta da un’epidemia di Escherichia coli causata da dei germogli di soia prodotti da una cooperativa biologica. Sono ancora da definire le reali cause che hanno scatenato questa infezione

koli-bacteria-123081_1920

L’attenzione sui cetrioli che aveva messo in allarme mezza Europa si è ora spostata sui germogli di soia. Sarebbero loro gli imputati della trasmissione dell’infezione dell’Escherichia coli, che ha causato ventidue vittime in Europa, di cui ventuno in Germania.

Secondo i responsabili dei centri di profilassi che stanno studiando l’infezione, il focolaio sarebbe stato individuato in una cooperativa biologica che produce e distribuisce in Germania e in tutta Europa germogli e semi di soia, fagiolo mungo, broccoli, piselli, ceci, ravanelli e lenticchie.

Non è stato ancora stabilito se il batterio coli abbia infettato i prodotti dall’acqua di irrigazione o dai semi, intanto è stata disposta la chiusura dell’azienda e il ritiro dei prodotti alla distribuzione sul mercato.

In Italia nessun caso di infezione, ma la paura dilaga. E, secondo le stime del Codacons, le vendite di frutta e verdura sono crollate di almeno il 15%.

Anche perché nei negozi non sempre è ben esposta la provenienza del prodotto agricolo. Nell’impossibilità, dunque, di distinguere un vegetale italiano da uno straniero, molti stanno rinunciando all’acquisto.

Per questo il Codacons chiede controlli a tappeto nei negozi e multe per i negozianti che non rispettano la normativa sull’etichettatura.

Quali accorgimenti dobbiamo adottare in casa con i cibi?

bacteria-1832824_1280

Lo abbiamo chiesto al dottor Rolando Manfredini, responsabile qualità e sicurezza alimentare della Coldiretti.

“L’Italia è ai primi posti per la sicurezza alimentare, c’è grande rispetto per le normative igieniche. Per cui da noi è molto raro un evento del genere di contaminazione batterica di frutta e verdure. Per quanto riguarda i germogli di soia, se prodotti e distribuiti in Italia, il pericolo non c’è. Ricordo anche che la cottura degli alimenti uccide il batterio”.