Come evitare l’Epatite: prevenzione e consigli

Arianna Preciballe
  • Appassionato di Medicina e Salute

Brindisi e Happy-hour, che ci fanno inavvertitamente superare le dosi di sicurezza dell’alcol, eccesso di farmaci e di cibo, scambi (anche di virus) con i popoli di tutto il mondo, rapporti sessuali (quanti, davvero, usano costantemente il preservativo?), ricorso a strumentazioni sanitarie. A risentirne, però, è soprattutto il nostro fegato!

Schermata 2021-04-14 alle 18.57.09

Fra tante caratteristiche negative le malattie di fegato ne hanno anche una positiva e importantissima: tutte, ad eccezione di pochi rarissimi casi, possono essere evitate con una buona prevenzione; perfino il cancro, che quasi sempre è solo l’estrema evoluzione di tutte le altre.

Ecco dunque le informazioni necessarie, e tutte le mosse per non essere colti di sorpresa.

Analisi del sangue: la giusta prevenzione 

Schermata 2021-04-14 alle 18.59.15

Fare le analisi del sangue una volta all’anno è la base per controllare la salute in genere e per avere le prime indicazioni anche sulla salute del fegato.

Ecco i valori da tenere d’occhio:

  1. Creatinina e glicemia: per individuare eventuali segni di sofferenza renale o diabete, correlati al cattivo funzionamento del metabolismo.
  2. Emocromo completo: perché in caso di epatopatie si riscontra sempre un calo delle piastrine e un insorgere di anemia.
  3. Transaminasi: cioè l’esame specifico della funzionalità epatica (soprattutto la GPT o ALT). Ogni lieve alterazione non va mai sottovalutata, ma immediatamente verificata con un approfondimento con ecografia ed esami sierologici (prelievo di sangue) per i virus B e C.

Inoltre va fatto un “esame di coscienza” sull’uso dell’alcol e controllo degli eventuali farmaci abituali.

Epatite A: come evitarla

Schermata 2021-04-14 alle 19.01.55

Un piatto di ostriche crude, un drink con ghiaccio in un luogo esotico, un’insalata cruda… per contrarre il virus A basta un’imprudenza alimentare in un momento di debolezza dell’organismo.

Ma a parte alcuni casi rarissimi, la conseguenza è solo un’epatite acuta che quasi sempre si risolve con una reazione gastroenterica più o meno violenta. Tanto è vero che la maggior parte di noi, probabilmente, ha già avuto questa malattia, riscontrabile facilmente con un esame degli anticorpi specifici.

Come evitarla? Cautela con i frutti di mare crudi. E se si parte per paesi lontani, attenzione ad acqua, verdure crude, frutta non sbucciata. Oppure, ancora meglio, farsi il vaccino specifico. Una semplice iniezione, e si elimina il rischio di rovinarsi la vacanza e il ritorno.

L’effetto ha inizio dopo 15 giorni dalla somministrazione, e con un richiamo dopo 6/12 mesi protegge per 10 anni. (Per farlo ci si può rivolgere al proprio medico di medicina generale o alla propria ASL).

Epatite B e C

Schermata 2021-04-14 alle 19.05.02

Subdoli e asintomatici, i virus B e C possono rimanere allo stato latente anche per tutta la vita (infezione cronica da virus B o C). Nonostante questo sono pericolosissimi, non solo perché contagiosi anche nei portatori sani, ma anche perché in circa la metà dei casi danno origine ad epatiti (cioè infiammazioni) silenziose, caratterizzate solo da stanchezza e leggeri malesseri, che possono poi evolvere verso problemi sempre più seri, come cirrosi, cioè la trasformazione del tessuto epatico in un groviglio di fibre simili a cicatrici.

Solo a questo punto arrivano i veri sintomi: malesseri importanti, stati confusionali, emorragie digestive. E insieme ai sintomi, il passaggio, lento ma sicuro, verso il tumore del fegato.

I due virus, simili nella possibile evoluzione, si contraggono entrambi per via ematica o sessuale, ma con diverse percentuali di probabilità: più legato agli incontri non protetti il virus B.

Dovuto a siringhe non usa e getta, trasfusioni (fino al 1990), tatuaggi o prestazioni dentistiche se effettuate con strumenti non adeguatamente sterili, ecc., quello C.

Il vaccino per l’epatite B

Schermata 2021-04-14 alle 19.06.13

Esiste un efficacissimo vaccino, che dal 1991 viene somministrato obbligatoriamente a tutti i nuovi nati con la cosiddetta “esavalente”, e a tutte le categorie a rischio, cioè operatori sanitari, carcerati, poliziotti, ecc.

Chi ritenga di poter correre qualche pericolo (viaggiatori, comportamento sessuale promiscuo, ecc), può vaccinarsi privatamente (rivolgersi al proprio medico di medicina generale o alla propria ASL) con 3 iniezioni a distanza di 1 e 6 mesi

Ci sono però anche dei farmaci. Quello principe per le epatiti da virus B e C croniche, cioè quello che attiva il sistema immune al fine di eliminare il virus, è l’interferone (IFN) per iniezione. Nell’epatite B non dà molti risultati (10/20% di efficacia), ma si può migliorare la cura con altri farmaci presi per bocca, i cosiddetti analoghi nucleosidici (entecavir, tenofovir), che presi in continuo consentono di bloccare la replicazione del virus arrestando la malattia e l’evoluzione a cirrosi.

Cure per l’epatite C

farmaci-salvavita

La cura è rappresentata dall’interferone associato a un altro farmaco a specifica attività antivirale (ribavirina); tale associazione nel caso di virus C dei genotipi 2 e 3, porta alla guarigione completa nella grande maggioranza dei casi dopo 6 mesi di cura.

Nei genotipi più difficili da eradicare (genotipi 1 e 4), però, spesso l’abbinamento interferoneribavirina non funziona.