Farmaci: gli orari migliori per assumerli

-
23/01/2021

Sapevate che in base all’orario di somministrazione l’efficacia dei farmaci può variare? Lo confermano degli studi di cronoterapia, una disciplina che studia l’effetto delle cure in base al ritmo circadiano. Facendo quindi attenzione ad assumere i farmaci al giusto momento il principio attivo potrà garantirci una maggiore funzionalità


tablets-1001224_1920

Molti farmaci sono più efficaci e meno tossici se presi a orari ben precisi. Lo confermano nuovi studi di cronoterapia, la disciplina che si occupa proprio di approfondire l’effetto delle cure a seconda del momento della giornata in cui viene assunto il farmaco.

“Oggi si sa per certo che le funzioni del corpo sono regolate dal ritmo circadiano”, spiega Ovidio Brignoli, vicepresidente della Simg, la Società che riunisce i medici di medicina generale. “È come se in ogni singola cellula dell’organismo fosse presente un orologio. La sua funzione è quella di controllare nell’arco delle 24 ore l’attività di organi e apparati e di regolare parametri come la temperatura del corpo, la pressione, la produzione di ormoni, il sistema digestivo”.


Leggi anche: I migliori cibi contro la depressione: cosa mangiare per essere felici

Questi cicli possono influenzare la cinetica di un farmaco, ovvero il suo spostamento nel nostro organismo, ma anche la sua dinamica, cioè il suo modo di agire.

Se allora il principio attivo viene assunto nel momento in cui l’organo da curare ha il suo “picco” di attività, la cura garantisce migliori risultati.

Ecco le principali patologie per le quali è importante guardare l’ora prima di prendere la medicina.

Gli orari migliori per assumere i farmaci

time-371226_1920

Ore 6

Lo stato di infiammazione caratteristico della psoriasi e delle dermatiti si tiene meglio sotto controllo se il glucorticoide viene assunto alle prime luci del giorno. Lo stesso vale per i corticosteroidi spray che vengono presi per il trattamento dell’asma.

Ore 7

È l’ora ideale per gli antipertensivi, come i calcio antagonisti, se si soffre di ipertensione arteriosa. Permettono di mantenere la pressione equilibrata e una corretta funzionalità del cuore lungo l’arco della giornata.

Ore 8

In caso di ulcera gastrica e duodenale la cura principale è a base di antibiotici e di inibitori della pompa protonica, che insieme eradicano l’Helicobacter pilori, il batterio che scatena queste due malattie. Dovrebbero essere assunti a quest’ora, perché al mattino presto l’aumento del pH gastrico è più pronunciato.

Ore 9

Per mantenere bassi i rischi di coagulazione del sangue e prevenire infarti e ictus è bene assumere l’aspirina in mattinata.


Potrebbe interessarti: Lucidalabbra migliori: consigli per la scelta

clock-650753_1920

Ore 13

Chi ha problemi di artrosi e soffre di crisi dolorose intense di notte, deve prendere nel primissimo pomeriggio gli antinfiammatori non steroidei specifici per questa malattia. Questi farmaci hanno un effetto lento e arrivano alla loro massima concentrazione proprio durante le ore notturne.

Ore 15

È il momento della seconda dose di corticosteroidi spray per la cura dell’asma: l’effetto è garantito nelle ore a rischio, cioè quelle notturne.

Ore 21

L’ipercolesterolemia si combatte meglio se il farmaco a base di statine viene preso dopo cena. Di notte questo principio attivo è più efficace nell’abbassare il colesterolo Ldl, cioè quello cattivo.

Ore 22

I farmaci a base di cortisone a rilascio lento, efficaci contro tutte le malattie di origine reumatica vanno assunti in tarda serata, affinché entrino in circolo intorno alle tre di notte, il momento in cui è maggiormente attiva la produzione di cortisolo da parte dell’organismo.


Caterina Mora
Laureata in Biologia della nutrizione
Beauty consultant
Wellness consultant
Suggerisci una modifica