Dolore: cos’è precisamente?

Tutti gli esseri umani provano dolore, che sia fisico, mentale o psichico. Ma vediamo insieme cosa significa il termine “dolore” in ambito scientifico e i diversi tipi che esistono.

young-sport-man-with-strong-athletic-legs-holding-knee-with-his-hands-in-pain-after-suffering-ligament-injury-isolated-on-white

Cos’è il dolore?

Il dolore è sensazione complessa di sofferenza, che può essere di origine fisica ma anche psichica. La sensazione di sofferenza provocata da cause fisiche è in grado di denunciare la presenza di una malattia latente o manifesta, organica o funzionale.

Vi sono diversi tipi di dolore: cefalee, nevralgie, coliche, emicranie, causalgie, tutti su base organica e trasmessi attraverso sistemi di fibre nervose, tuttavia è estremamente importante la componente psichica legata all’attivazione di strutture cerebrali (sostanza reticolare, mesencefalo).

L’uomo è in grado di identificare due varietà di dolore, quello di origine cutanea e il dolore viscerale. In quest’ultimo caso è difficile stabilire esattamente se il dolore provenga da un viscere o da un’altra struttura organica, poiché il dolore di un organo ha irradiazioni che possono farlo comparire in zone estese e mal definite.

exhausted-worried-brunette-woman-keeps-hands-on-temples-clenches-teeth-has-headache-or-migraine-dressed-in-white-outfit-isolated-over-pink-background

Per esempio il dolore cardiaco (retrosternale) si può irradiare alla spalla e al braccio sinistro sino al mignolo e in alto sino alla zona giugulare. La sensibilità al dolore non è uguale in tutte le persone: può essere particolarmente alta (iperalgesia), ridotta (ipoalgesia) o assente (analgesia). Quando raggiunge un’intensità elevata si associa a effetti collaterali neurovegetativi quali pallore, caduta della pressione sino al collasso, sudorazione ecc.

Per diminuire o far cessare il dolore esistono diverse terapie, che negli ultimi anni hanno finito per dare vita a una branca specialistica della medicina: la terapia del dolore.