“Dog Walking”: il cane diventa un personal trainer

Passeggiare con il proprio cane è un’attività che ha tantissimi vantaggia sia per il padrone che per il cane. Uscire a passeggiare non solo rende felice il proprio cane, ma è anche un ottimo modo per fare un po’ di attività fisica. 

dog-4609870_1920

Il cane è da sempre il migliore amico dell’uomo e non solo per quanto riguarda fedeltà, amorevolezza e gratitudine; ma perché oltre ad essere un inseparabile compagno che porta allegria, è importantissimo anche per la salute di chi lo ha vicino.

Fido dunque, non solo fa bene al cuore e allo spirito del proprio padrone, ma lo aiuta anche a tenersi in forma, diventando un vero e proprio  personal trainer; uno stimolo per fare movimento e un aiuto a combattere la tendenza ad una vita sedentaria.

La passeggiata per portarlo al parco a fare i “bisognini” è infatti un toccasana anche per il benessere del padrone, anche quello più pigro e diventa un piacevole modo per stare all’aria aperta e fare ginnastica.

Dog walking un’attività consigliata

pexels-helena-lopes-3705254

Il dog walking non è solo un’attività consigliata per esortare al mantenimento della forma fisica, ma gli effetti positivi sono un dato di fatto; passeggiare con il cane fa bene alla salute e questa constatazione emerge anche da uno studio dell’Institute of Infection and Global Health dell’Università di Liverpool, condotto in particolare sulle donne in gravidanza, ma che può trovare applicazione su numerose tipologie di soggetti.

Secondo gli esperti infatti, chi possiede un cane ha il 50% di possibilità in più, di fare almeno 30 minuti di esercizio fisico al giorno; e la docente Carri Westgarth, che ha promosso questo studio ha osservato che “il ‘dog walking’ è un’attività che incoraggia a camminare a ritmo sostenuto su base regolare, aiutando le donne a raggiungere i 150 minuti di attività raccomandati alla settimana.
Inoltre – secondo Carri Westgarth – possedere un cane fornisce motivazioni in più per uscire di casa e andare a fare una passeggiata.

Le donne in gravidanza prese in esame dallo studio, sono riuscite a mantenere un’ottima forma fisica rispetto a quelle che, non avendo un cane, si sono appesantite maggiormente.

Dog walking scambio reciproco

pexels-samson-katt-5257634

Nel dog walking poi, lo scambio è reciproco perché il cane sarà felice di andare a passeggio e di essere portato in giro e il padrone di sapere che, grazie a questa “camminata condivisa”, può  mantenersi in forma.

Portare il cane fuori infatti, dovrebbe avvenire almeno tre/quattro volte al giorno e da questo studio, è stato rilevato che ogni donna in dolce attesa, che ha portato a passeggio il proprio cane almeno una volta al giorno, per tutta la gestazione, ha svolto circa 30 minuti di esercizio fisico aerobico (camminata veloce) quotidianamente, necessario per una gravidanza in salute (che è anche la base minima richiesta per il benessere di ogni individuo adulto).

Un valido alleato dunque, non solo per le donne in dolce attesa  ma per quanti vorrebbero dimagrire o scendere di qualche chilo. A confermarne i benefici, è anche una ricerca condotta dall’Università di San Diego e pubblicata sulla rivista “Preventive Medicine”; che ha interessato un migliaio di proprietari di cani che si sono rivolti a due cliniche veterinarie statunitensi.

In media a settimana si impegnano 186 minuti per portare il proprio cagnolino a fare i bisogni fisiologici e, così, inconsapevolmente si svolge la quantità di movimento fisico minimo consigliato dai medici.

Questo tipo di attività è già diffusissimo negli Stati Uniti e si sta diffondendo anche in Italia. Moltissime donne, particolarmente quelle in gravidanza, portano a guinzaglio i loro cagnolini, preparandoli a diventare i compagni di gioco affettuosi e coccoloni per il bambino che arriverà.

Dog walking per socializzare

pexels-mentatdgt-1292720

Il dog walking unisce del cane di essere portato fuori per i bisogni fisiologici ma anche sociali ed evolutivi, alla possibilità per il padrone di socializzare; magari passeggiando con il proprio amico a quattro zampe insieme ad un gruppo di persone nei parchi o su sentieri non trafficati e immersi nel verde.

Oltre alla regolare e quotidiana passeggiata infatti, esistono delle vere e proprie iniziative di gruppo per favorire un’interazione efficace e salutistica fra l’uomo e il cane, dove l’uomo imparerà a conoscere meglio il proprio amico a quattro zampe relazionandosi con lui.

Fido diventa dunque il personal trainer del padrone, aiutandolo a mettere da parte il divano e a sostituirlo con una camminata di mezz’ora al giorno in sua compagnia; un “toccasana” per la salute…di entrambi.