Caldo estivo: 12 consigli per difendersi

Sandra Tomassini
  • Appassionato di Medicina e Salute

Come affrontare al meglio le torride giornate di caldo estivo. Dal Ministero della Salute arrivano i 12 consigli per gestire le  giornate più calde, evitando malesseri e brutti inconvenienti che potrebbero verificarsi quando il termometro schizza alle stelle.

Cosa-Mangiare-in-Estate-Quando-fa-Caldo

Oltre ad attivare il numero di pubblica utilità 1500, il ministero della Salute indica dodici regole per affrontare le alte temperature estive:

  1. Non uscire di casa nelle ore più calde (dalle 11 alle 18)
  2. Bere almeno due litri d’acqua al giorno ed evitare alcolici e bevande contenenti caffeina
  3. Consumare pasti leggeri e frazionati durante l’arco della giornata e mangiare frutta e verdura fresche
  4. Limitare l’attività fisica intensa
  5. Indossare indumenti leggeri, non aderenti, di fibre naturali, di colore chiaro e proteggere la testa dal sole diretto con un cappello e gli occhi con occhiali da sole
  6. Durante le ore del giorno schermare le finestre esposte al sole diretto mediante tende o oscuranti esterni regolabili
  7. Mantenere chiuse le finestre durante il giorno
  8. Abbassare la temperatura corporea con bagni e docce, se necessario, evitando di utilizzare acqua troppo fredda
  9.  Rinfrescare gli ambienti con ventilatori o condizionatori, se necessario. Quando si usano climatizzatori, evitare di regolare la temperatura interna a livelli troppo bassi rispetto alla temperatura esterna. La temperatura dell’ambiente domestico per il benessere fisiologico deve essere compresa tra i 24 e i 26°C.
  10. Non accendere il forno ed altri elettrodomestici durante l’uso del climatizzatore, per evitare consumi energetici eccessivi
  11. Usare tendine parasole in auto.
  12. Prestare attenzione alla corretta conservazione domestica dei farmaci.

caldo 1Il Ministero raccomanda inoltre di sorvegliare con attenzione le persone più vulnerabili che vivono in casa (bambini molto piccoli, anziani con malattie croniche, persone non autosufficienti) e i vicini di casa anziani che vivono da soli. In caso di bisogno, va consultato il medico di famiglia o la guardia medica. In casi di emergenza, va chiamato il 118.