Come rinforzare le ossa con il calcio

-
25/02/2021

Con la consulenza del professor Francesco Cavagnini, direttore laboratorio di ricerche in neuroendocrinologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano, vediamo l’importanza del calcio, e quanto ne va assunto al giorno a seconda dell’età.

top-view-delicious-food-arrangement


Il calcio è da sempre fonte di salute per l’organismo, eppure in molti, bambini e adulti compresi, non ne assumono dosi adeguate. Tante donne, per esempio, seguono diete sbilanciate prive di latte, latticini e formaggi.

Ma il calcio è essenziale per il benessere delle ossa e dei denti: permette nella fase della crescita di sviluppare una giusta massa ossea e di mantenere ottimale quella esistente in età adulta, oltre a svolgere un controllo della contrazione muscolare e della trasmissione nervosa. E non può che essere assunto tramite l’alimentazione, quindi occhio a quello che si mangia.

Quanto ne occorre?

cheese-4016647_1920

Il fabbisogno aumenta dalla nascita fino all’adolescenza.


Leggi anche: Come rinforzare le unghie: cosa mangiare

  • Da 1 a 6 anni l’organismo necessita di 800 mg al giorno di calcio. Durante le elementari, fino a 10 anni, si arriva a 1000 mg.
  • Nel momento dello sviluppo, dai 10 ai 16-17 anni, si raggiunge il picco di richiesta da parte dell’organismo con 1200 mg quotidiani.
  • Dopodiché la necessità decresce un po’. Infatti, fino ai 30 anni sono indicati 1000 mg e dai 30 ai 60 anni ne bastano 800 mg.
  • Con l’avanzare dell’età il fabbisogno aumenta di nuovo, perché nelle persone anziane l’assorbimento intestinale di calcio diminuisce. Nei maschi, dopo i 60 anni dagli 800 mg bisogna aumentare la dose fino ai 1000 mg, mentre nelle donne questo processo inizia prima, per via della menopausa. Per le donne dopo i 50 anni è bene introdurre alimenti che contengano calcio per giungere a 1200/1500 mg.
  • In gravidanza c’è bisogno un po’ più di calcio, anche se non di molto. Infatti, durante i nove mesi, l’organismo intelligente fabbrica più vitamina D, che aumenta l’assorbimento intestinale del calcio: quindi non è necessario aggiungere grosse quantità. In gravidanza sarebbe bene introdurre circa 1200 mg di calcio al giorno e lo stesso vale per l’allattamento. Questo perché durante l’allattamento si eliminano circa 300 mg di calcio al giorno.


Anna Vitale
  • Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
  • Wellness coach
Suggerisci una modifica