Cleptomania: ne soffrono più gli uomini o le donne?

-
13/03/2021

La cleptomania è un disturbo che colpisce soprattutto le donne. Non è facile comprenderlo e anche ammettere di soffrirne, in quanto è sempre accompagnato da un forte senso di vergogna. Vedremo insieme in cosa consiste e 5 consigli per imparare a riconoscerlo.

WhatsApp Image 2021-02-15 at 23.42.58

I sensori del metal detector che suonano, la guardia giurata che si avvicina e invita a svuotare la borsa dalla quale cadono oggettiprelevati” dagli scaffali senza essersi preoccupati di passare dalla cassa, la riprovazione negli sguardi degli altri clienti.
Eppure di quel rossetto, di quel libro o di quel foulard la “ladra” colta in flagrante non aveva alcun bisogno e, nel caso ne avesse avuto, pagarli normalmente per lei non avrebbe rappresentato un problema.

Sta di fatto che la protagonista della nostra storia, il furto l’ha compiuto. Lo ha fatto per assecondare la sua cleptomania, sintomo nevrotico di un bisogno irrefrenabile e immotivato di rubare.


Leggi anche: Ansia da prestazione: ora ne soffrono anche le donne

I cleptomani, infatti, sono ladri per definizione, ma non di mestiere né per necessità: agiscono in questo modo per assecondare un istinto incontrollabile causato da un disturbo del controllo degli impulsi. Il fenomeno si può manifestare a qualsiasi età, ma solitamente colpisce le donne con un’età media di 35 anni.

Cleptomania: 5 criteri per capire se ne soffri

WhatsApp Image 2021-02-15 at 23.45.19

Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (MDSM) ha stilato una lista secondo cui, per effettuare una diagnosi di cleptomania, occorre che il soggetto risponda a cinque criteri:

  1. Fallimenti ricorrenti di resistere agli impulsi di rubare oggetti che non sono necessari all’uso personale o per il loro valore in denaro;
  2. Aumentato senso di tensione immediatamente prima di compiere il furto;
  3. Piacere, gratificazione e sollievo ogni volta che si commette il furto;
  4. L’atto di rubare non viene commesso per esprimere rabbia o spirito di rivalsa e non è una risposta a una delusione o un’allucinazione;
  5. Il rubare non è legato a disturbi del comportamento, a un episodio maniacale o a un disordine di personalità antisociale.

Prima di rubare il cleptomane avverte un crescente stato di tensione, dopo aver compiuto l’atto entra in uno stato d’ansia, sperimenta un senso di colpa e depressione”

spiega la dottoressa Valeria Marchiello, psicologa.

“L’oggetto rubato non ha mai un grande valore commerciale e non è di grande interesse neppure per lo stesso cleptomane. Una volta rubato, infatti, l’oggetto perde qualsiasi attrattiva ai suoi occhi. Il cleptomane non si lega mai alla sua refurtiva; non appena avverte il disagio per l’azione compiuta, se ne disfa buttandolo, restituendolo, regalandolo oppure nascondendolo”.


Beatrice Della Longa
Esperta in: bellezza e settore alimentare
Suggerisci una modifica