Caffè e sigaretta: perché vanno tanto bene insieme? Un nuovo studio fa luce

Francesca Naima
  • Appassionato di Medicina e Salute

Il caffè e la sigaretta, lo sanno bene i fumatori, sembra proprio un binomio al quale è difficile rinunciare. Un nuovo studio UFHealth ha indagato sulla correlazione tra nicotina e caffeina, dimostrando scientificamente un interessante nesso tra i due elementi.

Caffè e nicotina: perché vanno tanto bene insieme? Un nuovo studio fa luce

La caffeina contenuta nel caffè e la nicotina che si trova nelle sigarette sono spesso una coppia molto amata dai fumatori. Secondo un nuovo studio pubblicato sul magazine scientifico Sciencedirect
il caffè avrebbe effetti diretti sui due principali tipi di recettori della nicotina nel cervello.

Lo studio, intitolato Caffè e sigarette: modulazione dei recettori nicotinici dell’acetilcolina α4β2 ad alta e bassa sensibilità da parte di n-MP, un biomarcatore del consumo di caffè è stato condotto in prima linea da Roger Papke, professore di farmacologia all’Università della Florida School of Medicine, il quale Insieme al proprio team si è chiesto:

Molte persone prendono il caffè al mattino a causa della caffeina, ma il caffè ha un effetto aggiuntivo sui fumatori?

Caffè e sigarette: una ricerca tenta di spiegarne la correlazione

Caffè e nicotina: perché vanno tanto bene insieme? Un nuovo studio fa luce

Caffè e sigaretta sono connessi a livello molto più “profondo” di un’irresistibile abitudine. Il motivo è relativo al fatto che vengono stimolati dei recettori nel cervello.

La ricerca citata ha permesso di identificare due composti nel caffè (1-metilpiridinio, e 1-1-dimetilpiridinio, n-MP) i quali è emerso influenzano direttamente alcuni recettori della nicotina altamente sensibili nel cervello: la colina nel caffè colpisce i recettori α7 e l’n-MP colpisce principalmente i recettori α4β2.
n-MP inibisce uno dei due tipi principali di recettori α4β2 e potenzia l’altro.

I ricercatori hanno quindi iniziato a intraprendere che oltre alla già nota fama della caffeina e la nicotina, tra le sostanze che creano più dipendenza al mondo, oltre ai già noti processi che esistono quando si ha una dipendenza e oltre all’abitudine, ci sia una correlazione da approfondire tra le due sostanze, che potrebbe essere molto utile anche per la scienza comportamentale:

È probabile che i recettori HS nei fumatori si desensibilizzino progressivamente durante una giornata di fumo, ma possono essere ipersensibili al mattino quando i livelli di nicotina nel cervello sono bassi. La prima tazza di caffè di un fumatore può quindi bilanciare gli effetti della prima sigaretta della giornata nel cervello.