Automedicazione: attenzione agli abusi

Quasi sette italiani su dieci sono ricorsi all’automedicazione nel corso di quest’ultimo anno. A riprova del fatto che questi farmaci, che si acquistano senza ricetta medica, sono ormai entrati nell’uso comune. Resta da capire, però, se questo sia sempre bene. Vediamo insieme qualche informazione in più.

thermometer-1539191_1920

“Mi accorgo nella quotidianità che prima o poi quasi tutti i pazienti cadono nell’errore di sottovalutare il farmaco di automedicazione,” spiega Ovidio Brignoli, vicepresidente della Simg, la società che riunisce i medici di medicina generale. “Il più delle volte, perché vengono ritenuti meno “farmaci” di quelli abitualmente prescritti dal medico. Invece non è così. Si tratta sempre di sostanze estranee all’organismo e, per questo, vanno utilizzati con prudenza.”

Automedicazione: attenzione a non esagerare!

L’automedicazione è un’abitudine che in Italia sta avendo un trend in crescita. Infatti spesso preferiamo “curarci da soli” piuttosto che trattare il problema nella maniera più consona. La cosa migliore sarebbe ovviamente fare sempre riferimento a un medico o a esperienze pregresse, in base alla gravità dei casi.

Spesso è sufficiente anche chiedere un semplice consiglio in farmacia. L’automedicazione può avere delle conseguenze molto gravi. A volte, addirittura un vero e proprio abuso: si ricorre al farmaco ai primi accenni di dolore, piuttosto che sopportare un disturbo banale e passeggero, oppure cercare altre soluzioni per risolverlo.

O ancora, si prendono senza consultare il foglietto illustrativo, con il rischio di scatenare reazioni non previste.  Con l’aiuto del dottor Brignoli ti elenchiamo quindi le regole che ti aiutano a non commettere errori.

I consigli dell’esperto

capsules-1079838_1920

Ricorri all’automedicazione solo per malattie di lieve entità e in modo ragionato e mirato. Ricordati che a volte sintomi banali possono essere provocati da malattie più gravi. Per andare sul sicuro allora, scegli i farmaci di automedicazione solo per quei piccoli disturbi che conosci perché ne hai già sofferto altre volte e che hai risolto con medicinali di provata efficacia.