Verissimo, Alfonso Signorini: l’amore per Paolo

Luca Uccello
  • Esperta in Tv e Reality
25/10/2021

A Verissimo, ospite di Silvia Toffanin, Alfonso Signorini apre la sua valigia dei ricordi e soprattutto il suo cuore parlando del suo compagno Paolo con cui, il conduttore del Grande Fratello Vip vive una storia meravigliosa da 19 anni. Ma le parole più dolci sono dedicate alla madre scomparsa nove anni fa.

alfonso-signorini-l-amore-per-paolo-galimberti_C_1_article_28164_launch_horizontal_image

Non è usuale sentire parlare Alfonso Signorini della sua storia d’amore con il suo compagno. Ma a Verissimo, ospite di Silvia Toffanin è successo anche questo. Il direttore di Chi ha deciso di aprire il suo cuore e parlare anche del suo privato più intimo. Una storia d’amore che dura da ben 19 anni quella con Paolo.

“Io ci sono per lui e lui per me, abbiamo fatto tanto cammino insieme. A volte litighiamo in modo furibondo, non ci sentiamo. Io ricordo quello che mi disse mia mamma. A lei piaceva molto Paolo”

Un uomo che vive dietro di lui, che non pretende di stare per forza al suo fianco ma che durante il periodo in cui Signorini è stato colpito duramente dal Covid pur di non lasciarlo solo ha dormito nel garage.

“Noi ci rispettiamo molto e abbiamo due vite parallele. C’è autonomia da parte di entrambi però sentiamo il bisogno di ritrovarci sempre e stare insieme. La qualità del tempo fa la differenza…”

Signorini si commuove parlando di sua madre

alfonso-signorini-verissimo

I momenti di commozione però il conduttore del Grande Fratello Vip li ha avuti parlando di sua madre scomparsa ormai nove anni fa. Per fortuna ricorda Alfonso Signorini nel salotto di Verissimo:

“Ho trovato il tempo per coccolarmela, per abbracciarmela. Ricordo l’ultima volta che sono andata a prendermela, lei non mangiava quasi più, e le ho detto: “Mamma oggi ti porto al ristorante”. Siamo stati io e lei a parlare, a parlare della nostra vita, della vita che era passata. Un grande rimorso che ho è aver cancellato l’ultimo suo messaggio in segreteria: è stato tremendo…”

Tornando ancora più indietro con i ricordi, Alfonso Signorini ha parlato anche di quando da bambino è stato bullizzato da ragazzini omofobi.

“Mi prendevano in giro perché mia madre mi chiamava Alfi. Io evitavo di uscire, ero terrorizzato: mi chiudevo in cantina a leggere, mentendo a mia madre pur di non dirle la verità e farla soffrire…”