Uomini e Donne, Raffaella Mennoia: “Diverse azioni legali con ex partecipanti”

Arianna Preciballe
  • Esperta in TV e Spettacolo
23/12/2021

Intervistata da Novella 2000 per presentare il suo nuovo libro “Cupido spostati”, Raffaella Mennoia in queste ore ha parlato a lungo del suo lavoro e di come, a volte, anche per lo storico braccio destro di Maria De Filippi ci sia qualche problema. A quanto pare, infatti, da parte del programma di cui è autrice sarebbero già state intraprese diverse azioni legali verso determinati personaggi!

foto_raffaella_mennoia_ud-min

Raffaella Mennoia è un volto ormai piuttosto conosciuto della tv e, infatti, ormai da anni lavora a fianco di Maria De Filippi, ad alcuni dei programmi più di successo di Canale 5.

Esordita nella prima versione di Amici, infatti, la donna ha trovato la giusta rampa di lancio proprio grazie alla moglie di Costanzo, per la quale ormai è diventata un vero e proprio punto di riferimento. 

Di recente proprio in merito al suo lavoro nel dating show firmato Mediaset la donna ha scritto un libro, Cupido Spostati, di cui ha parlato in queste ore a Novella 2000. Raccontando come è nata la storia da lei narrata e come prenda ispirazione nel programma condotto da Queen Mary, però, la donna ha anche rivelato che le cose dietro le quinte non sono sempre tutte rose e fiori come appare.

Raffaella Mennoia rivela tutto: rapporti tesi con gli ex concorrenti

RAFFAELLA-MENNOIA_5919-scaled-e1634745125300

Dall’inizio della sua carriera ad oggi Raffaella è cambiata molto, soprattutto per quanto riguarda il senso di responsabilità verso i sentimenti dei protagonisti dei programmi per cui lavora.

“Spesso vado a letto ripensando a ciò che è avvenuto in trasmissione, chiedendomi se sia stato giusto o meno”.

ha rivelato, spiegando anche che non è raro trovarsi di fronte insulti o polemiche. Come reagisce se ha a che fare con le cattiverie?

“Bisogna sempre valutare da dove arriva l’insulto. Ci sono comunque diverse situazioni legali aperte con ex partecipanti di Uomini e Donne; in questo sono aziendalista, devo tutelare la mia professione e la struttura per cui lavoro, senza buffonate social“.

ha spiegato l’autrice, decisa a far valere i suoi diritti e quelli del programma per cui lavora. E chissà a chi saranno indirizzate le azioni legali fatte….