Tommaso Zorzi: le sue parole sul caso Malika

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione
02/07/2021

In questi giorni si è sollevata una grande polemica sulla raccolta fondi per Malika, utilizzata in modo poco consono e che ha lasciato tutti perplessi. Oggi è intervenuto sulla questione anche Tommaso Zorzi, che Malika l’ha conosciuta al Maurizio Costanzo Show.

Tommaso Zorzi: le sue parole sul caso Malika

In questi giorni la giovane Malika Chalhy ha fatto largamente discutere riguardo al modo in cui ha deciso di utilizzare i soldi della raccolta organizzata per venirle in aiuto dopo essere stata cacciata di casa dalla propria famiglia, contraria all’omosessualità della ragazza.

Da quanto emerso, parte del denaro della beneficenza destinata a Malika sono stati impiegati da lei per l’acquisto di beni di lusso, come la Mercedes che ha scatenato l’indignazione di tutta Italia.

Oggi, Tommaso Zorzi è intervenuto sulla questione. Il vincitore del Grande Fratello Vip 5 aveva conosciuto la giovane Malika al Maurizio Costanzo Show e aveva sostenuto la battaglia della ragazza per far valere i propri diritti a vivere la vita libera dai divieti imposti dalla famiglia.

L’intervento di Tommaso Zorzi

Tommaso Zorzi: le sue parole sul caso Malika

In queste ore i follower di Tommaso Zorzi hanno chiesto che esprimesse un suo parere sulla questione Malika, che all’epoca della raccolta fondi aveva ricevuto la solidarietà di moltissimi personaggi del mondo dello spettacolo.

Malika Chalhy aveva partecipato a diversi programmi televisivi per raccontare la propria storia, e anche Maurizio Costanzo la volle ospite al suo show, occasione in cui Tommaso Zorzi ha avuto modo di conoscere questa ragazza e di sostenerne la causa anche dal proprio profilo Instagram.

Questa mattina, il conduttore de Il Punto Z è intervenuto con una storia Instagram in cui ha scritto un breve ma decisivo intervento sulla questione:

“Mi state chiedendo un parere sulla questione Malika.

L’Italia si è unita in una raccolta fondi per aiutare una ragazza ripudiata dai suoi genitori in quanto omosessuale e di questo dobbiamo esserne fieri. Lei si è poi rivelata una persona torbida ma questo è un problema suo, non della beneficenza. Continuate a perorare le cause benefiche in cui credete.”

La beneficenza per Malika

Tommaso Zorzi: le sue parole sul caso Malika

Prima che emergesse il reale uso fatto da Malika Chalhy con i soldi della beneficenza rivoltale, la sua storia aveva toccato  profondamente il pubblico e moltissimi programmi, per primo Le Iene, l’hanno voluta ospite per dare voce alla sua battaglia.

Malika Chalhy è una ragazza ventiduenne che è stata cacciata di casa dalla propria famiglia dopo che sua madre ha scoperto una lettera in cui lei confessava il proprio amore per una ragazza.

L’omofobia dei familiari di Malika si è concretizzata in un primo momento con una raffica di vocali Whatsapp pieni di odio da parte della madre nei confronti di Malika e che hanno fatto il giro del web e delle televisioni, e poi con il cambio della serratura di casa che ha fatto sì che la ragazza restasse senza una tetto sulla testa e senza soldi, ma soprattutto senza famiglia, avendola in ultimo disconosciuta.

Quando Le Iene hanno diffuso la sua storia, è nata una raccolta fondi a lei destinata per perorare la sua battaglia per la propria libertà e per aiutarla a ricostruire la propria vita dal principio.

Quello che ne è stato poi del denaro raccolto in buona fede, è tristemente noto.