Tina Cipollari denuncia il figlio: corse clandestine e scommesse

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
18/12/2022

Tina Cipollari è nota per i suoi sfoghi e i suoi modi senza freni che spesso mete in mostra a Uomini e Donne, con dame, cavalieri, corteggiatori e tronisti. La donna, però, qualche anno fa sfogò la sua rabbia sul figlio, che finì (quasi) per denunciare.

Tina Cipollari denuncia il figlio: corse clandestine e scommesse

Tina Cipollari è molto legata alla sua famiglia e sopratutto ai suoi tre figli, Mattias, Gianluca e Francesco. Qualche tempo fa, però, la donna compì verso il più grande dei tre.

La romana, infatti, aveva deciso di andare a denunciare il figlio, che sembrava coinvolto in giri strani. In realtà, però, so trattava solo di uno scherzo organizzato da Le Iene, scherzo che rischiava davvero di finire male.

Tina Cipollari: furiosa con il figlio Mattias

Tina Cipollari denuncia il figlio: corse clandestine e scommesse

Tutto era cominciato nel 2019, quando Alessandro Di Sarno aveva fatto credere a Tina Cipollari che il figlio fosse finito in un giro di corse clandestine, organizzate con minicar truccate. 

La concisione della donna era nata dopo che una carrozzeria di Roma l’aveva chiamata spiegando che il ragazzo doveva loro circa 3000 euro per alcune modifiche chieste sull’auto, in modo da farle raggiungere i 120 km/h. Il ragazzo, addirittura, per far andare più veloce la sua auto aveva anche fornito un documento di autorizzazione con firma falsa della madre.

Sconvolta da quanto poco dopo realizzato, la donna si era lasciata andare ad un lungo sfogo verso il figlio.

Io in galera non ci voglio andare.

aveva cominciato ad urlare la donna, che dopo aver visto un filmato montato ad hoc del figlio che sfrecciava in auto, aveva chiamato un suo amico aveva sottolineato di voler portare il figlio in riformatorio.

Adesso chiamo i carabinieri. Voglio chiamare il 112.

si vedeva dire la commentatrice nei video. La donna, in effetti, aveva presto deciso di recarsi in Questura a denunciare il proprio figlio.

Per fortuna a quel punto era intervenuto Alessandro Di Sarno, salvando la situazione prima che fosse troppo tardi!