Sabrina Impacciatore “pazza”? Il riscatto a Hollywood

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
23/12/2022

La serie cult HBO “The White Lotus” ha lanciato tanti attori, fra cui, con la seconda stagione girata interamente in Sicilia, anche l’italiana Sabrina Impacciatore. Nel ruolo di Valentina, dirigente di un hotel omosessuale, ha conquistato Hollywood a 54 anni, come ha svelato a La Stampa.

Sabrina Impacciatore conquista Hollywood: ” In Italia pensavano fossi pazza”

L’attrice italiana Sabrina Impacciatore, intervistata da La Stampa, racconta con grande entusiasmo della sua ultima grande impresa: la parte di Valentina nella seconda stagione della serie HBO The White Lotus. Un ruolo che l’ha lanciata a livello internazionale:

Su questo l’Italia potrebbe migliorare. Io ho fatto un solo progetto in America: The White Lotus. Uno solo! Eppure la mia interpretazione non è sfuggita a nessuno: bam, di colpo sono esplosa! E dire che io sono un’attrice di lungo corso che non recita ma vive sempre i personaggi che interpreta: queste cose le ho fatte anche in altri film italiani. Dal 2000! A questo punto uno delle domande se le fa.

Poi l’attrice aggiunge una nota sull’importanza (o meglio la non importanza) dell’aspetto esteriore:

Ora però, di colpo, sono diventata brava e bella, per il mondo intero. Ma anche qui: la bellezza per un’attrice che cos’ è? È la sua anima, non l’aspetto da modella.

Sabrina Impacciatore e il meritato successo: The White Lotus il suo trampolino di lancio mondiale

Sabrina Impacciatore conquista Hollywood: ” In Italia pensavano fossi pazza”

Pochi giorni fa Sabrina Impacciatore è stata anche ospite del famoso talk show condotto da Jimmy Kimmel, e nonostante l’ansia ha deciso di improvvisare anche in un’occasione così importante, come del resto ha fatto sul set di The White Lotus diventando un’icona con la sua battuta a Jennifer Coolidge:

Solo l’aneddoto della torta ‘razzista’ White at heart era concordato. Per il resto io funziono meglio se improvviso, quindi non volevo sapere prima le domande. Comunque le 24 ore precedenti sono state di panico assoluto.

Poi l’attrice ha svelato i suoi progetti:

Amo l’Italia che resta la mia terra, ma ora che ho assaggiato Hollywood e mi sono affacciata sul mondo, sarebbe un po’ complicato pensare a progetti solo nazionali. Inoltre lì, in America, sono felice. C’è un’atmosfera frizzante di possibilità che qui in Italia manca: da noi si respira un’aria di rassegnazione, là invece di sogno. Quando dico ‘mi piacerebbe fare quest’ idea’, qui mi guardano come se fossi pazza, oltreoceano si entusiasmano. Cerco comunque di restare con i piedi per terra: ora ho una fama planetaria, mi scrivono dalla Nuova Zelanda al Sudafrica, ma so che si tratta solo di un momento. Spero solo di non tornare nella zucca…