Pregiudizio: origini e curiosità

-
22/02/2021

Il pregiudizio non è un qualcosa nato con la società odierna, ma esiste dal tempo dei primati; come dimostrato da un recente studio della Yale University, le scimmie sono in grado di distinguere il pregiudizio nei loro branchi, riuscendo a percepire chi è più incluso e chi meno.

SCIMPANZè

La guerra al pregiudizio è un’impresa ancora più faticosa di quanto si possa immaginare: la tendenza a guardare gli altri con sospetto, e a volte anche con avversione, resiste da almeno 25 milioni di anni.

I primi a incarnarla furono i nostri cugini primati, secondo uno studio recente condotto dai ricercatori di Yale.

La psicologa Laurie Santos, che ha coordinato il gruppo di ricerca, ha pubblicato i risultati del suo lavoro sul numero di marzo del Journal of Personality and Social Psychology (http://www.apa.org/pubs/journals/psp/).

Lo studio sui primati e il pregiudizio

SCIMPANZè

“Noi valutiamo le persone in modo diverso, a seconda del fatto che siano o meno membri del nostro gruppo – spiega Santos – Praticamente ogni conflitto della storia umana è nato sulla base delle differenze di razza, religione, classe sociale. Ci interessava capire qualcosa sulle radici di questi pregiudizi.”


Leggi anche: Le proprietà della melanzane: varietà, origini e curiosità

E così, hanno scoperto che sono antichissimi e che non appartengono solo alla cultura umana. Santos e i suoi ricercatori hanno analizzato il comportamento dei primati macaco rhesus, che vivono su un’isola al largo della costa di Portorico.

Come gli esseri umani, queste scimmie formano diversi gruppi sociali in base alla loro storia famigliare. Gli studiosi, tenendo conto della tendenza degli animali a soffermarsi più a lungo su ciò che li spaventa, hanno mostrato alle scimmie immagini di macachi di altri gruppi: quando individuavano membri estranei alla loro cerchia (anche quelli che si erano allontanati da poco tempo), fissavano a lungo le fotografie.

È la dimostrazione del fatto che le scimmie sanno distinguere spontaneamente chi è fuori da chi è dentro il gruppo, e che valutano negativamente chi non fa parte del loro.


Vito Girelli
Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica, digitale e d'impresa
Esperto in: Benessere e Lifestyle
Suggerisci una modifica