Pelè è morto: il tumore ha vinto sulla leggenda

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
29/12/2022

In Brasile oggi è lutto nazionale: se ne va la leggenda del calcio Pelè, dopo aver combattuto una lunga battaglia contro un terribile tumore al colon. Aveva 82 anni.

Pelè è morto: il tumore ha vinto sulla leggenda
Pelè nelle ultime settimane aveva fatto preoccupare già i suoi cari. Una lunga battaglia contro il tumore al colon lo ha portato via oggi, all’età di 82 anni. Il quotidiano brasiliano Folha de s. Paulo aveva già dichiarato che Pelè non reagiva alla chemioterapia e che le metastasi avevano ormai raggiunto anche polmoni e fegato. Così è stato accompagnato da cure palliative sino alla morte sopravvenuta oggi.

Le figlie avevano sostenuto invece che la colpa fosse legata anche al Covid e al sistema immunitario reso debole dalla chemioterapia. La famiglia gli è sempre stata accanto al suo capezzale anche per Natale.

Una leggenda del calcio, reso celebre anche per il “Drible de vaca”, la finta con la quale destabilizzava difensori e portieri facendo passare la palla da un lato all’altro a una velocità sorprendente. A 82 anni Pelè è stato tre volte campione del Mondo ma dal settembre 2021 la chemioterapia lo ha lentamente consumato mentre il tumore al colon si è espanso con metastasi nell’intestino, nel polmone e nel fegato.

Pelè, si spegne oggi a 82 anni la stella del calcio

Pelè è morto: il tumore ha vinto sulla leggenda

Intanto la figlia Kely Nascimento pochi giorni fa aveva lasciato un messaggio su Instagram:

Questi momenti sono difficili da spiegare. A volte c’è molta tristezza e disperazione, altre volte ridiamo e parliamo di ricordi divertenti: quello che impariamo da tutto questo è che dobbiamo raggiungerci l’un l’altro e tenerci stretti l’un l’altro. Questo è l’unico modo in cui vale la pena. Tutti insieme.

Anche i nipoti Octávio e Gabriel, figli di Sandra Regina, riconosciuta come la figlia di Pelé negli anni ’90, negli ultimi giorni avevano scritto sui social:

Ringrazio Dio per questo momento, perché era quello che mia madre sognava di più, ci sono cose che si vedono e altre cose che si raccolgono dopo. Fare errori fa parte della nostra vita, ogni famiglia ha litigi e malumori, la nostra vita non è diversa, ma ci sono momenti in cui l’unione e l’amore sono più importanti di qualsiasi altra cosa.