Orietta Berti racconta il successo di Mille

Ludovico Merlo
  • Scrittore e Blogger
29/06/2021

Orietta Berti è tornata in vetta alle classifiche. Merito di ‘Mille’, la canzone dell’estate che interpreta con Fedez e Achille Lauro, e che sta facendo impazzire tutta l’Italia quasi come la Nazionale di Roberto Mancini…

fedez-achille-lauro-orietta-berti-1125×768

Sono un quadro. Sono come ‘Le tre Grazie’, un quadro di Émile Vernon. Un’opera d’arte che si canta. Un brano nato l’ultimo giorno dell’ultimo Festival di Sanremo. A Tv Sorrisi e Canzoni, Orietta Berti ha raccontato come è nata Mille, il tormentone di quest’estate. Merito o colpa di Fedez che l’ha invitata a fare una diretta Instagram e le ha detto che voleva farle ascoltare una canzone per l’estate con un ritornello adatto alla sua voce.

“Pensavo che fosse una di quelle cose che si dicono tanto per dire e invece è stato di parola. L’ho ascoltata due o tre volte e ho pensato che questa “Mille” era proprio carina…”


Leggi anche: Orietta Berti, duro affondo contro Umberto Tozzi

Una canzone cantata da Orietta Berti, cantala normale, come ha sempre cantato le sue canzoni ironiche. Ma non c’è solo la canzone, c’è anche un video con lei, Fedez e Achille Lauro che insegnate il balletto della canzone.

“L’idea è di Chiara Ferragni. Fedez voleva lasciarlo fare solo alle ragazze con i ventagli, poi Achille ha proposto che lo facessimo anche noi: loro con le mani, io coi ventagli. L’idea del balletto con le mani mi ha fatto morir dal ridere”.

Orietta Berti vorrebbe non sbagliare più i nomi…

fedez_orietta_berti_achille_lauro

Un trio inedito che però ha trovato il suo equilibrio, si è sposato alla perfezione. Orietta Berti non vuole paragonarli a Massimo Ranieri o a Gianni Morandi. Non può farlo perché:

Fedez ha il senso della produzione: fa tutto e sa quel che si deve fare, è un uomo completo per questa società, per questo mondo. Come Achille Lauro. Sembra indifferente, annoiato, lì per caso… Sembra che non sia sul pezzo… E invece è sul pezzo, eccome! Io poi l’ho sempre ammirato. Achille ha un’eleganza innata: sembra un uomo di altri tempi e invece è proprio un fenomeno attuale! Forse neanche lui si rende conto di essere così elegante, disinvolto e gentile…”

Sembra tutto perfetto ma non lo è. Orietta Berti da buon Gemelli è impulsiva e non riesce a non sbagliare mai i nomi. Ha chiamato Naziskin i Måneskin, ha detto “Ermal Metal” invece di Meta. Ma non solo:


Potrebbe interessarti: Ferragnez: Leone scambia Orietta Berti per mamma Chiara

“Tante volte al tavolo di “Che tempo che fa” con Fabio Fazio se non mi viene il nome dico “quello lì” ed è ancora più brutto! Luca Argentero l’ho chiamato più di una volta “Formentero” e non capivo perché ridesse: ero convinta di aver detto bene! Sono gaffe non volute, mi capitano…”.