Occhio alla spesa: il programma che non potete perdervi

Arianna Preciballe
  • Esperta in TV e Spettacolo
26/08/2012

Occhio alla Spesa, su Rai Uno, è l’unico programma di tutta l’offerta televisiva nazionale che propone, consiglia, orienta il consumatore ad acquistare la qualità al giusto prezzo, evitando i trabocchetti e le furbizie commerciali. Se ancora non lo seguite dovete farlo assolutamente! 

F304858801022C09-1-keyframe-poster-652×367@3

In nove anni il programma  ha raggiunto un consolidato successo e una diffusa popolarità in tutte le fasce di target della platea televisiva italiana. Milioni di persone, ogni giorno, dal televisore seguono Occhio alla Spesa, ma in tanti lo vedono sul computer o, magari, al supermercato direttamente sul tablet per aggiornarsi sui prezzi, sulle etichette e su come scegliere i prodotti.

Si tratta di un servizio pubblico di informazione merceologica e di vicinanza quotidiana agli interessi del cittadino. Un programma che, nell’era della multimedialità, ha deciso di seguitare la sua azione di servizio, oltre che dal televisore e dal computer, anche sulla carta stampata, per permettere a chi non riesce, a causa dei ritmi e dei tempi televisivi, di appuntarsi e conservare tutti i consigli e le indicazioni di spesa.

Occhio alla Spesa: il programma diventa magazine

occhio-alle-vacanze-quasi-gratis-18709_FotoScheda

Grazie all’accordo tra Rai ed Edizioni Master, da oggi il magazine ufficiale del programma è in tutte le edicole italiane con centinaia di migliaia di copie.

“L’editore ha voluto affidarmi il non facile compito di direttore del magazine pensando che – essendo io l’ideatore, autore e conduttore del programma televisivo – fossi anche il naturale animatore e organizzatore del mensile”.

ha rivelato Alessandro Di Pietro.

“Tra lo schermo del televisore e la carta stampata ci sono differenze macroscopiche, che spero di annullare o, almeno, compensare offrendo il massimo dell’impegno. Starà a voi, cari lettori, stabilire se questa sarà un’operazione editoriale di successo come tutti noi speriamo.

Andare in edicola ogni mese e acquistare Occhio alla Spesa Magazine non deve essere una scelta di fedeltà al programma televisivo o di simpatia nei confronti del suo conduttore, ma una scelta convinta per documentarsi sulle migliaia di soluzioni commerciali e merceologiche che andremo a proporre. Magari conservando e collezionando, mese per mese, anno per anno, tutti i numeri di questo nostro modesto sforzo per realizzare un vero e proprio vademecum del consumo consapevole e intelligente”.