Medicina Pediatrica: le proposte del meeting di Rimini

Jenny Bertoldo
  • Esperta in TV e Spettacolo
23/08/2022

La Federazione Italiana Medici Pediatri si è riunita in un meeting tenutosi a Rimini per discutere del futuro della pediatria. Ecco quanto emerso dal convegno dei medici.

I pediatri di famiglia pensano al futuro: le proposte del meeting di Rimini

Di recente si è tenuto a Rimini il meeting della Federazione Italiana Medici Pediatri. Il Presidente Antonio d’Avino si è espresso circa il futuro della medicina pediatrica:

Il futuro della Pediatria di Famiglia? Telemedicina, self help diagnostico, ma soprattutto potenziamento degli studi professionali per elevare il livello qualitativo delle prestazioni. Affinché nei prossimi anni il Servizio Sanitario Nazionale sia sempre più efficiente, avremo bisogno di specializzandi in Pediatria che acquisiscano competenze di medicina territoriale. Noi apriamo le porte dei nostri studi. L’Università consenta loro di avere una formazione specifica.

Il titolo del convegno, “Serve ancora la Pediatria di Famiglia? La Pediatria, fra prossimità di cura e riforme di sistema”, chiarisce i temi del meeting giunto alla 43esima edizione a cui era presente anche il Ministro della Salute Roberto Speranza.

D’Avino ha espresso la necessità di una formazione più adeguata e mirata per la Pediatria di Libera Scelta. Ha poi aggiunto:

Pensiamo al moderno concetto di prevenzione, applicato alla Pediatria di Famiglia: siamo passati da quella primaria attraverso le vaccinazioni a quella degli incidenti domestici fino a una gestione globale della crescita e della cura del bambino, allo scopo di ottimizzare al massimo le potenzialità e al contempo ridurre i rischi derivanti da stili di vita e abitudini non corretti. Ma estendiamo da tempo il significato di prevenzione anche alla rilevazione di omissioni delle cure o all’intercettazione precoce di forme di maltrattamento o abuso infantile.

Al convegno di Pediatria presenta anche il Ministro della salute Roberto Speranza

I pediatri di famiglia pensano al futuro: le proposte del meeting di Rimini

Il presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri ha poi proseguito:

La Pediatria di Libera Scelta è ancora qui, dopo 44 anni dalla sua nascita, amata e ritenuta necessaria dalla popolazione. Tuttavia siamo consapevoli delle esigenze delle Famiglie, perché il servizio offerto sia di piena soddisfazione. Condividiamo la richiesta di effettuare tutta la profilassi prevista dal Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale presso i nostri studi, laddove possibile facendole coincidere con i Bilanci di Salute.

Ha poi affermato che per realizzare l’obiettivo sono necessari più risorse dallo stato. Infine ha concluso:

Senza il reclutamento stabile di professionisti sanitari e sociali, le misure per l’implementazione della rete dei servizi territoriali sono inefficaci e all’orizzonte si profila un’inaccettabile privatizzazione dell’assistenza che finirà con l’accrescere le diseguaglianze. C’è bisogno invece di potenziare gli studi professionali dei Pediatri di Famiglia, con l’assunzione di collaboratori e infermieri.