Mahmood: insulti dopo l’incendio di casa sua

31/08/2021

Mentre la Procura di Milano continua ad indagare sull’incendio divampato domenica nella palazzina in via Antonini, alcuni haters hanno cominciato ad attaccare Mahmood, che abita proprio in quegli appartamenti. Ma perché tanto odio verso il cantante di “Soldi”?

155055170-a58005e0-5124-414f-879a-8908a8009048

Domenica 29 agosto il grattacielo Torre dei Moro è andato a fuoco. Sembra anche tutto sia cominciato da alcune fiamme partite dal 15esimo piano, che poi si sono estete trasformando il palazzo in una vera e propria torcia.

Per fortuna non ci sono stati morti o feriti gravi ma sono circa 70 le famiglie che oggi non hanno più una casa e tra loro c’è anche Mahmood, il celebre cantante di “Soldi” che viveva proprio nel palazzo in via Antonini.

Dopo che Morgan ha allertato tramite i suoi social il pubblico spiegando che anche la dimora dell’artista era lì, però, ha cominciato a circolare l’indiscrezione che Mahmood sia stato uno dei primi a salvarsi e invece di essere contenti per lui una parte del popolo del web ha cominciato ad attaccare l’artista, insultandolo e minacciandolo; ecco cosa è successo.

Mahmood sommerso dalle critiche

mahmood

“Ha perso la casa? Ma io stappo una magnum, amici. Stasera non dormo, bevo: alla tua Mahmood”.

si legge in alcuni commenti sui social, dedicati proprio al cantante di “Soldi”.

“I soldini per prendersi un altro appartamento ce li avrà a Milano, giusto?”.

ha scritto qualcun altro, sempre prendendosela con il popolare artista. Insomma, un vero e proprio attacco da parte degli haters per cui è dovuto scendere in campo anche Ermal Meta, suo collega e amico.

“Mahmood la casa se la può ricomprare ma voi haters che gioite di quello che è successo, la dignità non potete ricomprarla dopo averla buttata nel cesso perché ammesso che ci riusciate, puzzerebbe demm…rda. Sfigati!”.

ha infatti tuonato il cantante di origini albanesi. Per fortuna sono stati anche tantissimi quelli che si sono schierati dalla parte di Mahmood, insultandolo e indignandosi per tanto odio. E chissà se anche il diretto interessato risponderà…