Luca Vezil dice basta alle calunnie: “è stata Valentina a lasciarmi!”

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
12/11/2022

Nei giorni scorsi un tornado si è abbattuto su Luca Vezil, accusato di aver già dimenticato la povera Valentina Ferragni. I due si sono lasciati un mese fa e dopo un paio di settimane, nella notte di Halloween, Vezil era stato visto in compagnia di un’altra ragazza. Ma lui non ci sta e risponde alle accuse.

Luca Vezil dice basta alle calunnie: “è stata Valentina a lasciarmi!”

Lo scorso 12 ottobre Valentina Ferragni e Luca Vezil hanno comunicato di essersi lasciati. Poi qualche giorno fa lo scoop di Chi: Luca è stato visto con un’altra. In molti lo hanno quindi attaccato: ha già dimenticato la povera Vale? Ma non è così, e nelle ultime ore Luca Vezil ha spiegato su Instagram:

Dal momento che è stato scritto e detto qualcosa di non solo falso ma anche calunnioso, asserendo al fatto che io abbia avuto una frequentazione in precedenza con una ragazza conosciuta invece la sera in questione, quindi mai vista prima e mai più vista in seguito, tengo a dire solo una cosa. Quando sono stato lasciato, ho accettato di rispettare non solo la decisione della mia ex compagna ma anche la sua volontà di non rendere pubblici i dettagli della stessa. Ho deciso di uscire e proseguire con la mia vita, facendomi forza e basandomi sull’affetto di famiglia e amici. Ho preferito vivere il dolore per una relazione finita senza fare eccessi o lanciarmi in notti brave o altro ancora.

Luca Vezil nega il flirt di Halloween e chiede un po’ di pace: “Non è stata una mia decisione!”
Luca Vezil dice basta alle calunnie: “è stata Valentina a lasciarmi!”

Insomma Luca Vezil sembra aver solo subito la scelta di Valentina Ferragni, e sui social prosegue spiegando che è stata una scelta anche sofferta, per cui non accetta di essere calunniato inutilmente:

Avessi cercato visibilità da questa situazione, mi sarei comportato diversamente, ma non sono la persona, mi conoscete. Visto che questo “scoop” è atto ad incolpare me per una decisione che ho subito, quindi né preso, né causato, inviterei chi ha espresso giudizi basati su questa falsità, a rivedere le proprie posizioni. La verità è in mano a due persone e nessun altro e, come ho già detto, ho accettato di tenerla riservata per rispetto di una persona che mi ha accompagnato per gli anni più importanti della mia vita.