Lol: le comiche insieme per il body positive

Vito Girelli
  • Dott. in Comunicazione pubblica, digitale e d'impresa
29/04/2021

Lol- Chi ride è fuori è il programma del momento, appena confermato per una seconda stagione; i comici in gara hanno spiazzato il mondo della tv e dello streaming, ma soprattutto le tre donne in gara Michela Giraud, Caterina Guzzanti e Katia Follesa, hanno riscosso moltissimo successo. Ieri sono apparse come tre dee di Botticelli in copertina su Vanity Fair.

COVER-VANITY-FAIR-FOLLESA-GIRAUD-GUZZANTI_page-0001

Lol- Chi ride è fuori è già pronto per un secondo round e, nel frattempo, le comiche che hanno preso parte alla prima edizione sono diventate delle modelle.

Ridi, bellezza! Questo lo slogan presentato sulla foto scattata da Nima Benati; le tre comiche Katia Follesa, Caterina Guzzanti e Michela Giraud sono diventate le tre Veneri di Botticelli, come nel quadro dell’artista italiano fautore di una nuova bellezza.

Proprio come il quadro del pittore Botticelli, in cui la diversità della bellezza cambiava forma, anche questa foto rappresenta la rivoluzione, la nuova frontiera della bellezza e del body positive.

Il Body Positive delle comiche di Lol

opening-lol-3-950×684

Lo stereotipo delle donne simpatiche ma non belle è ancora vivo, purtroppo; Vanity Fair, in collaborazione con queste tre attrici e comiche che hanno riscosso successo con Lol, ha voluto mandare un messaggio chiaro e forte.

Simone Marchetti, direttore dell’editoriale, ha poi dichiarato:

“La loro comicità che è tutto fuorché banalità, racconta di percorsi, idee, miserie e grandezze, sofferenze e gioie di intere generazioni di donne in bilico tra quello che sappiamo della bellezza e quello che dobbiamo ancora imparare. Per una volta, vi chiediamo di fare come loro: non focalizzatevi sui pro e sui contro, su quello che pensate di sapere o su quello che ritenete di aver già imparato. Siate leggere, ironiche”.

Una bellezza che dobbiamo imparare a capire, a vedere; le tre donne vengono da contesti culturali e personali molto diverse e, riprese come delle dee, hanno dimostrato come la bellezza sia una questione di scoperta, rivoluzione e soprattutto personalità.