Le Iene: Giulia de Lellis tradita vuole sventrare la sua assistente

Paolo Cesarotti
  • Dott. Nutrizionista
05/10/2021

Giulia De Lellis nuovamente tradita? Questa volta il colpevole è Carlo Gussalli Beretta che, con l’aiuto de Le Iene, organizza uno scherzo all’influencer che scoppia in lacrime

Giulia-De-Lellis-Political24

Le Iene colpiscono ancora e questa volta vittima di uno scherzo tremendo è Giulia De Lellis, la celebre influencer che scoprirà il tradimento del suo fidanzato con Giulia, l’assistente.

Lo scherzo de Le Iene a Giulia De Lellis tradita

le iene de lellis

Dopo la lezione quotidiana di inglese, gentilmente offerta dal suo Carlo Gussalli Beretta (i numeri in inglese non sono di certo il punto di forza di Giulia De Lellis), ecco che lo scherzo ha inizio.
Durante un momento di relax la sua assistente, complice dello scherzo, le manda un messaggio

Ciao Giulia, mi sono usciti dei piccoli punti rossi in faccia e sulle mani…cosa può essere?

Giulia, che è la più “grande esperta di malattie contagiose”, inizia ad agitarsi facendosi controllare la schiena dal fidanzato. Il panico prende il sopravvento e decide di chiamare l’assistente per valutare le sue condizioni.
Giulia ad un certo punto chiede se abbia limonato con un ragazzo: l’assistente conferma di aver visto un ragazzo.

Giulia a questo punto si convince che si possa trattare di sifilide, quindi trasmissibile attraverso rapporti intimi.
Dopo essere andati a letto, in piena notte, Carlo esce sul pianerottolo dove le truccatrici lo riempiono di puntini.
Tornato in camera sveglia Giulia mostrandole i puntini: ormai il panico è il protagonista.

Convinta che si tratti di sifilide, inizia a fare domande a Carlo e sul suo rapporto con l’assistente: lui ovviamente nega tutto.
Dopo un consulto con un medico ecco che l’incubo di Giulia diventa realtà: la ragazza scopre che il suo ragazzo e Giulia (l’assistente)  l’hanno tradita.

La De Lellis scoppia in lacrime e inizia un terzo grado al povero ragazzo che confessa tutto.

Dopo aver prottatto lo scherzo per un bel po’, con la complicità del medico, tutto si risolve con una risata