Isola Dei Famosi, Emanuela Tittocchia: confermati i clisteri

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
19/07/2021

Anche se si è conclusa ormai da diverse settimane l’Isola dei Famosi continua a far parlare di sé tramite le dichiarazioni degli ex concorrenti di questa stagione. In queste ore è stata Emanuela Tittocchia a parlare del reality a cui ha partecipato, in una lunga intervista al settimanale “Stop”.

C_15_personaggio_143_upiFotoPersonaggioH

Nonostante i mosquitos, le difficoltà e le scomodità vissute Emanuela Tittocchia, reduce della sua esperienza all’Isola dei Famosi, ha rivelato che rifarebbe il reality senza problemi.

“La gente pensa che la vita che vedono in tv non sia quella, invece è così davvero come appare: si vive con 25 grammi di riso al giorno e cocco”.

ha spiegato la donna, rivelando che anche se cameraman e autori girano di continuo intorno ai concorrenti non gli rivolgono mai la parola perché lo scopo del gioco è sopravvivere da soli.

Ma scopriamo insieme le altre dichiarazioni fatte dalla conduttrice.

Emanuela Titocchia: all’Isola la sfida con la natura

Emanuela-Tittocchia-LIsola-dei-Famosi-2021-1

Emanuela Titocchia, che purtroppo non è riuscita ad arrivare alla finale dell’Isola dei Famosi ma ha lasciato il reality diverse settimane prima, ha raccontato che la sfida più grande che lei e gli altri naufraghi hanno dovuto affrontare è stata quella con la natura.

“I mosquitos sono terribili, gonfi dappertutto e ti gratti continuamente, è stata proprio dura. Abbiamo dormito in mezzo ai granchi, gli insetti e le blatte. Ad esempio Angela Melillo si è svegliata con un ragno peloso sulla faccia”.

ha raccontato. Per l’attrice, però, non si tratta delle prime rivelazioni sulla sua esperienza in Honduras e, infatti, qualche tempo fa aveva rilasciato un’altra intervista a DiTutto, in cui aveva rivelato anche le difficoltà relative ai… Bisognini!

“Dove si fanno i bisogni a L’Isola dei Famosi? In un secchio molto alto e molto largo posto in bilico, su una salita, obliquo, coperto con delle palme secche: è stata veramente ardua”.

ha detto la donna, raccontando di aver sentito Rosaria Cannavò urlare dalla disperazione per la scomodità della situazione.

“Inoltre, si sa, il riso e il cocco sono astringenti, la produzione ci aiutava, ci dava delle pillole. Anche a noi è successo quello che è capitato in Spagna, a Supervivientes: molti naufraghi sono dovuti ricorrere ai clisteri”.

ha concluso.