Irama confessa: “le mie ragazze mi hanno sempre odiato”

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
14/12/2022

Irama questa settimana rilasciato una lunga intervista al Corriere dove ha parlato della sua esperienza a Sanremo Giovani al fianco di Mahmood, Francesco Gabbani ed Ermal Meta. Non solo, Irama ha parlato anche della propria carriera e della propria vita privata.

Irama confessa: “le mie ragazze mi hanno sempre odiato”

Giovane ma senza dubbio molto talentuoso. Il giovane cantante Irama intervistato dal Corriere della sera ha parlato della sua esperienza a Sanremo Giovani, un’emozione che non ha mai scordato:

Fu un’annata magica grazie alle scelte di Carlo Conti che ci scoprì tutti quanti. Mi iscrissi mettendomi in fila come dal salumiere, prendendo il mio ticket e aspettando che qualcuno mi chiamasse. Mi notarono e da lì iniziò il mio percorso, travagliato, pieno di alti e bassi. Nel 2018 ho poi partecipato ad Amici, vincendolo.

Poi ha parlato dell’esperienza ad Amici:

Lì mi rimisi in gioco, facendo una scommessa con me stesso. E andò bene. L’ultimo disco di platino l’ho regalato proprio a Maria De Filippi pochi giorni fa ringraziandola ancora perché tanto del mio inizio lo devo sicuramente a lei. Mi sembra passato un secolo, ma penso che la vita degli artisti vada contata come quella dei cani: un anno ne dura sette.

Irama si racconta: amori, carriera e progetti futuri

Irama confessa: “le mie ragazze mi hanno sempre odiato”

Poi Irama ha spiegato di non amare condividere molto di sé sui social, e di preferire tenersi tutto più intimamente:

La mia popolarità è legata alla musica, non al mio personaggio. Non ho nulla contro chi decide di fare della propria vita un reality sui social, ma io mi sono sempre sentito un coglione a filmare qualsiasi cosa vedessi anziché viverla.

Poi Irama ha parlato dei suoi rapporti con le varie fidanzate avute nel tempo, tra cui sicuramente la più nota è Giulia De Lellis, alle quali ammette di aver dedicato sempre troppo poco tempo:

Non voglio fare il pesantone […] ma anche se non sembra lavoro tantissimo; non faccio una vacanza da quattro anni, al massimo mi concedo quattro giorni di pausa, infatti le mie ragazze mi hanno sempre odiato per questo: andavamo dall’altra parte del mondo e poi dopo 96 ore me ne dovevo già andare.