Guendalina Tavassi vittima di un dispetto: macchina distrutta

03/09/2021

Guendalina Tavassi è stata vittima, suo malgrado, di un vero e proprio dispetto compiuto ai suoi danni. Come testimoniato dalle immagini di Instagram, l’ex gieffina ha trovato entrambi gli specchietti della sua auto distrutti da qualcuno: la Tavassi ha ironizzato, sfogandosi sui social. 

Progetto senza titolo – 2021-09-03T205516.975

Guendalina Tavassi è stata vittima di un “dispetto” compiuto ai suoi danni proprio qualche ora fa. L’ex concorrente del Grande Fratello 10 ha da poco ufficializzato la sua nuova storia d’amore con il ristoratore Federico Perna, dopo aver concluso il matrimonio con Umberto D’Aponte. Di recente, le polemiche che hanno coinvolto anche l’ex marito non sono mancate e l’ex gieffina è stata spesso al centro del gossip.

Dopo tutto ciò, Guendalina Tavassi ha dovuto anche affrontare un altro episodio negativo. Come testimoniato dalle storie di Instagram, l’ex gieffina, mentre stava tornando alla sua auto dopo averla parcheggiata lungo la strada, accanto ad un muretto, ha trovato entrambi gli specchietti staccati e distrutti. 


Leggi anche: GF Vip, Guendalina Tavassi contro gli autori: “Fatemi entrare!”

Guendalina Tavassi: lo sfogo su Instagram

Progetto senza titolo – 2021-09-03T205549.807

Guendalina Tavassi ha fatto notare che non solo era stato distrutto lo specchietto del lato della macchina che dava sulla strada ma anche quello dalla parte del muretto: non si è trattato, quindi, di una distrazione o di un incidente provocato da un passante distretto, ma di un vero e proprio dispetto che mirava a colpire l’ex gieffina. 

La Tavassi, che ha documento il momento in cui si è accorta di quanto accaduto, si è duramente sfogata su Instagram:

“Sono contenta perché a voi gli specchi vi servono, perché siete brutti come l’invidia e la cattiveria! E’ tutta rotta la mia macchina ma non mi interessa! Pensa quante energie che avete speso per fare ‘sta cosa!”.

Nonostante tutto, anche in questo caso, l’ex gieffina ha cercato di ironizzare sul colpevole di questo dispetto:

“E chissà chi sarà stato poi, eh! Che a me di solito mi vogliono tutti bene, che mi lasciano fiori, biglietti, chissà chi potrà aver fatto una cosa del genere”.