Gf Vip: Nikita Pelizon ancora presa di mira

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
24/10/2022

Nikita Pelizon è stata ancora una volta messa al bando al Grande Fratello Vip. Dopo gli attacchi da parte di Elenoire Ferruzzi e Cristina Quaranta, ora arriva l’ennesima critica da parte di Wilma Goich a causa di un litigio scoppiato per alcune questioni legate al cibo e al pentolame.

Gf Vip: Nikita Pelizon ancora presa di mira

Tra Nikita Pelizon e Wilma Goich è scoppiato un putiferio per via del cibo. Gli errori di Nikita sono stati due. Il primo: la modella ha preparato delle polpette utilizzando una mozzarella destinata alla pizza del giorno successivo. Questo sbaglio è stato perdonato da Wilma, che ha però sbottato quando nella stessa sera, Nikita ha per sbaglio bevuto dal suo bicchiere.

Wilma Goich a quel punto non si è più trattenuta sulla compagna:

Sorriso di me**a, non me ne frega un ca**o del perché ha il sorriso, non me ne frega niente della maschera che ti metti. Qui ognuno si inventa quello che vuole.

Wilma si sarebbe infastidita per il fatto che Nikita sorride sempre, e che ha detto essere il suo scudo contro gli attacchi esterni. Ma alla cantante non sembra essere andata giù.

Gf Vip: la povera Nikita Pelizon non trova pace, ancora al centro delle polemiche

Gf Vip: Nikita Pelizon ancora presa di mira
Wilma Goich, si è sfogata poi con Elenoire Ferruzzi affermando che vi sarebbe una precisa strategia dietro all’atteggiamento dell’ex concorrente di Pechino Express nel reality:

Bisogna fare delle dinamiche, allora lei ha deciso che la sua dinamica è il bambino.

Ma di che cosa stanno parlando? Nikita di recente ha ammesso che vede George Ciupilan come un fratellino minore e nulla di più. Elenoire è della stessa opinione della collega cantante:

Lui le serve per sapere tutto quello che gli altri dicono.

E Giaele De Donà ha aggiunto:

A me avevano avvertito su di lei.

Insomma l’aria che tira all’interna del reality show sembra essere molto tesa e quello di Wilma Goich pare essere solo l’ennesimo pretesto per dar vita a una lite furibonda.