GF Vip, Miriana Trevisan fa infuriare Alfonso Signorini

Luca Uccello
  • Esperta in Tv e Reality
29/09/2021

Per fare arrabbiare Alfonso Signorini ce ne vuole ma a quanto pare Miriana Trevisan ci è riuscita perfettamente e più di una volta. L’utima occasione è stata la nomination di Antinolfi: un gesto che non è passto inosservato dal conduttore del Grande Fratello Vip che è andato su tutte le furie…

miriana-trevisan

Prima gli attacchi del fidanzato ora la furbata sulla nomination di Gianmaria Antinolfi. Insomma Alfonso Signorini non ne può più di Mirian Trevisan che dentro la Casa del Grande Fratello Vip continua a fare vita a sé…

Una sfuriata bella e buona a fine della puntata che a molti è forse sfuggita ma non ai più attenti, gli irriducibili che al momento delle nomination hanno subito notato qualcosa che non andava che nel comportamento dell’ex di Non è la Rai.

Ma l’esperienza di Alfonso, con la complicità dei suoi autori hanno scoperto un giochino che non è piaciuto per niente al conduttore del reality show di Canale 5 che a modo suo fa notare che la Trevisan sta facendo qualcosa di sbagliato!

“Sarai tu  a condannare uno dei tuoi tre compagni, prima di dirmelo sappi che noi qui in studio e presumo anche il pubblico a casa abbia visto che Gianmaria (Antinolfi, ndr) ti ha suggerito di nominare lui”.

signorini-22esima-puntata

Insomma il comportamento di MIriana Trevisan non è proprio andato giù ad Alfonso Signorini che in diretta, davanti a tutti i suoi compagni di viaggio l’ha apertamente rimproverata per quello che stava facendo:

“Sappi che a questi giochetti non ci caschiamo. Siamo abituati”.

Un po’ di imbarazzo, un accenno di passo indietro cercando di cambiare la sua scelta per poi invece riconfermarla. “Mi dispiace ma io voglio seguire il cuore, essere autonoma, voglio scegliere Gianmaria, perché lui vuole andare”. Una decisione che non è piaciuta a Signorini: “Ma guarda che essere autonome non significa seguire un’ onda. Non puoi dire prima Andrea, poi Gianmaria. Le regole del gioco sono chiare “.