Fedez: duro attacco per il concerto di Salmo

Arianna Preciballe
  • Esperta in TV e Spettacolo
14/08/2021

Il rapper Salmo di recente ha fatto molto parlare di sé a causa della decisione di organizzare un concerto in Sardegna. L’uomo, che nelle ultime ore è anche andato in tendenza su Twitter, è stato attaccato da alcuni suoi colleghi, come Fedez.

salmo-fedez

“Vorrei organizzare un concerto in Sardegna completamente gratuito per le persone che non sono potute venire al live ieri. Sono disposto a farmi arrestare pur di suonare dal vivo!”

aveva detto Salmo qualche giorno fa, per poi annunciare la data del 13 agosto.

“Vi comunicherò città e orario il giorno stesso. Non mancate”.

aveva aggiunto. Nelle ultime ore, però, il suo gesto lo ha portato al centro delle polemiche. Il motivo? All’evento hanno partecipato centinaia di persone ammassate e senza mascherina. A criticare il rapper, però, è stato in particolare Fedez.

Salmo: Fedez lo attacca

fedez-salmo-1200×900

Dopo Alessandra Amoroso, che ha attaccato Salmo facendogli notare che, nonostante il nobile intento, la sua idea non è andata a buon fine, anche Fedez ha puntato il dito contro il rapper, accusandolo di aver infranto le regole.

“Sfruttare la nostra condizione di privilegio, aggirare le regole per soddisfare capricci personali. Questo non aiuta nessuno. Avete sputato in faccia a migliaia di onesti lavoratori dello spettacolo che quest’anno cercano di tirare avanti con immensi sacrifici, rispettando le regole per andare alla pari con i conti (quando va bene)”.

ha detto il marito di Chiara Ferragni, che, inoltre, ha anche attaccato il sindaco di Olbia, che ha permesso che tale concerto si tenesse.

“In che modo pensate di rappresentare le persone che hanno scelto di seguire le regole per difendere i lavoratori e la comunità? Come fate a non rendervi conto (o a far finta) che una cosa del genere fatta alle spalle di chi con sacrificio rispetta le regole, nella regione con più alta incidenza di ricoveri legati al Covid, non farà altro che peggiorare le condizioni della nostra amata Sardegna”.

ha infatti tuonato, preoccupato che per colpa di qualcuno venga fatta di tutta l’erba un fascio, per un settore che da due anni fatica a ripartire. Che ne pensate del suo sfogo?