Fedez annuncia: “Aprirò una fondazione”

Ilaria
  • Dott. in Scienze della comunicazione
17/06/2021

Fedez in questo periodo di è fatto portavoce di diverse raccolte fondi per aiutare le persone in difficoltà anche e soprattutto a causa della pandemia. Proprio grazie al successo di queste iniziative di bene e alle tante idee per dare una mano agli altri, il rapper ha annunciato che aprirà una fondazione. 

Progetto senza titolo – 2021-06-17T201037.809

La raccolta fondi promossa da Fedez per aiutare i lavoratori dello spettacolo, che hanno vissuto un periodo di forte crisi da quando con il Covid-19 tutte le principali attività legate al mondo dell’arte e dell’intrattenimento si sono fermate, ha raggiunto la cifra di quasi 5 milioni di euro (4 milioni e 780mila euro).

Scena Unita“, questo il nome dell’iniziativa, ha coinvolto tantissimi artisti (da Achille Lauro, passando per Gianna Nannini e Emma Marrone, solo per citarne alcuni) che, grazie all’idea di Fedez, sono andati a costituire un fondo importantissimo a sostegno di quanti hanno visto interrompere le loro attività lavorative.

Dato il successo di questa iniziativa, e le tante idee che ci sono ancora in cantiere, Fedez ha deciso di aprire una sua fondazione, annunciandolo poche ore fa su Instagram.

Fedez: nasce la sua fondazione

Progetto senza titolo – 2021-06-17T201020.812

Il rapper, infatti, pochi istanti dopo la conferenza stampa di “Scena Unita”, dove si è festeggiato il traguardo raggiunto, ha annunciato su Instagram:

“Dall’esperienza maturata in questo progetto ho deciso di aprire una mia fondazione che ogni anno si darà un obiettivo da perseguire per cercare di aiutare più persone possibile. Sono felicissimo: volevo solo dirvi questo”.

Quando si parla di Fedez, però, non possono mai mancare le polemiche e così il rapper ne ha approfittato anche per rispondere in tono “frizzantino”, come lui stesso ha detto,  a quanti sostengono che la beneficenza vada fatta in silenzio e non mostrata pubblicamente:

“Per tutti i colleghi miei e i giornalisti che di fronte alle iniziative che ho portato avanti in questi due anni hanno sempre accampato l’interpretazione che la beneficenza si fa ma non si dice, volevo dirvi che sono orgoglioso di non essere della vostra parrocchia!”.