Facchinetti contro McGregor: “Non ritirerò la denuncia, è una persona pericolosa”

Francesco Facchinetti torna a parlare di McGregor e di quel pugno che gli ha spaccato il labbro. Il dj chiarisce ai suoi fan che non ritirerà la denuncia e  andrà avanti nell’iter giudiziario: “Non lo faccio per soldi, ma solo perché voglio fermarlo: è una persona pericolosa”. Ora aspetta solo che la giustizia faccia il suo corso.

facchinetti mcgregor-2-2

Francesco Facchinetti non ci sta, e vuole chiarire subito il silenzio che è calato sulla vicenda dell’aggressione subita a causa della furia del lottatore Mc Gregor: l’iter giudiziario sta andando avanti e il conduttore italiano ha specificato di non avere intenzione di ritirare la denuncia nemmeno se gli offrissero 10 milioni di euro.

L’aggressione a Francesco Facchinetti da parte di Mc Gregor

facchinetti-mcgregor2

Una clamorosa aggressione quella di Conor McGregor nei confronti del dj Facchinetti. L’irlandese, pluricampione UFC, lottatore di MMA, e atleta più pagato al mondo nel 2021 era a Roma per battezzare il figlio Ryan di quattro mesi e ha incontrato l’imprenditore italiano durante una festa privata in un noto albergo del centro storico. Facchinetti sui social, mostrando il volto tumefatto, ha raccontato di aver ricevuto un violento pugno, così senza motivo.

“A un tratto a Conor è proprio andato off il cervello. Ero a 30 centimetri da lui e mi ha tirato un pugno in faccia. Mi sono ritrovato dall’altra parte della stanza, sotto choc. Non voleva tirare un pugno a me, semplicemente a un certo punto voleva tirare un pugno”.

E solo l’intervento delle guardie del corpo di McGregor, che lo hanno preso e scaraventato a terra, ha evitato che la situazione degenerasse.

Francesco Facchinetti: “Vado avanti, non ritirerò la denuncia”

facchinetti2

Il dj ha voluto aggiornare i fan sulla vicenda ed evitare che questo silenzio possa far credere che tutto sia a posto e la questione sia rientrata. E lo ha fatto pubblicando un nuovo video in cui chiarisce tutto: ha intenzione di andare avanti e sta aspettando che venga nominato un pm.

“Siccome in tanti me lo chiedono, se non rispondo sembra che non me ne freghi più niente o che abbia cambiato idea e stoppato tutto. Assolutissimamente no. Stiamo parlando della questione tra me e il signor McGregor Come sapete ho depositato la denuncia e stiamo attendendo che venga nominato un Pm. Io spero nella legge e che la legge faccia il suo corso”.

Facchinetti: “Non ci sono telecamere nella stanza dell’aggressione”

Conor-McGregor-

Il dj e presentatore milanese ha anche evidenziato che nella stanza in cui è avvenuta l’aggressione non ci sono telecamere. Ai fini del processo, oltre alle testimonianze, verrà utilizzata la videosorveglianza all’esterno:

“Per quanto riguarda i video purtroppo pare che in quella stanza non ci siano le telecamere ma subito fuori la stanza, nel corridoio, invece sì e si vedranno le immagini sia di McGregor che mie, quindi confido, ovviamente, nell’hotel”.

Facchinetti tuona: “Non lo faccio per soldi”

facchinetti

Ma l’imprenditore 41enne vuole precisare che l’iter giudiziario non è stato attivato per questioni economiche e che, al contrario, se fosse stato così non avrebbe denunciato nulla e chiesto, invece, un risarcimento immediato a McGregor, mettendo a tacere tutto:

“In più voglio ripetere una cosa molto importante: se avessi fatto tutto questo per soldi sicuramente sarei stato in silenzio, non avrei denunciato ma avrei mandato tutto quello che avevo in mano all’avvocato del sig McGregor chiedendo un risarcimento, invece non me ne frega nulla dei soldi quindi ripeto che se anche dovesse offrirmi 10 milioni di euro per ritirare la mia denuncia e per farmi stare in silenzio direi di no perché non mi interessano i soldi”.

Insomma, la sola intenzione di Francesco è quella di fermare una persona che lui ritiene essere veramente pericolosa ed evitare che la prossima volta al suo posto ci possa essere qualcun altro a farne le spese:

“Quello che voglio fare, quello che cerco di fare è fermare una persona altamente pericolosa perché la prossima volta magari potrebbe tirare un pugno a qualcun altro e questo qualcun altro potrebbe realmente farsi male”.