Eurovision 2023, cambia tutto: l’Ucraina penalizzata da…

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Diete e cura degli inestetismi
17/06/2022

Lo scorso anno erano stati i Maneskin a portarsi a casa la vittoria dell’Eurovision Song Contest e, infatti, poche settimane fa il festival si è tenuto a Torino, dove a trionfare è stata l’Ucraina. Sembra però che non sarà il paese della Kalush Orchestra ad ospitare la prossima edizione dell’evento musicale…

Eurovision 2023, cambia tutto: l’Ucraina penalizzata da…

La vittoria dei Maneskin all’Eurovision è stato motivo di grande orgoglio per il popolo italiano, che lo scorso anno ha sofferto con la band romana fino alla sera finale dell’evento e alla loro proclamazione come vincitori.

I 4 ragazzi hanno riportato il trofeo a casa dopo circa trent’anni dall’ultima volta, in cui a vincere era stato Toto Cutugno con la canzone “Insieme”; quest’anno, invece, è stata la Kalush Orchestra a trionfare.

Non appena il gruppo è stato proclamato vincitore, però, tutta l’Europa si è chiesta come sarà possibile ambientare la competizione nel paese attualmente colpito dalla guerra; per motivi di sicurezza, così, è stata presa una precisa decisione.

Eurovision cambia tutto: il no all’Ucraina

Eurovision 2023, cambia tutto: l’Ucraina penalizzata da…

L’Ucraina non ospiterà l’Eurovision Song Contest 2023. È questa la decisione dell’Ebu, l’Unione europea di radiodiffusione, che tramite una nota ha fato sapere che l’evento sarà spostato altrove.

A seguito di un’analisi obiettiva, il consiglio di amministrazione dell’ESC ha concluso con profondo rammarico che, date le circostanze attuali, le garanzie di sicurezza e operative richieste a un’emittente per ospitare, organizzare e produrre l’Eurovision Song Contest secondo le regole dell’ESC non possono essere soddisfatte da UA:PBC.

si legge nel comunicato che spiega i motivi dietro alla decisione presa. Anche se l’evento non si svolgerà prima di un anno, e quindi le cose potrebbero migliorare da qui ad allora, organizzare l’Eurovision richiede infatti largo anticipo e così i lavori dovrebbero cominciare molto presto; cosa purtroppo impossibile

Quale sarà, allora, il nuovo Paese ospitante? Sembra che inizia ci sia l’Inghilterra (che si è classificata al secondo posto all’Eurovision Song Contest di Torino).