Emozioni scaccia-crisi: 2 italiani su 3 preferiscono gli acquisti esperienziali

Caterina Mora
  • Esperta in TV e Spettacolo
26/01/2021

Quali sono gli acquisti che gli italiani preferiscono fare? Abiti, accessori, smartphone e tablet? No! Da quanto emerge da un sondaggio 2 italiani su 3 preferiscono effettuare acquisti esperienziali anziché materiali.

airport-2373727_1920

Altro che armadi pieni, ritrovati tecnologici all’ultimo grido o oggetti di design. Due italiani su tre si dichiarano più soddisfatti degli acquisti “esperienziali” e li definiscono il miglior antidoto per non pensare alla crisi.

Se c’è qualche euro in più da spendere, meglio andare a teatro (35%) che possedere uno smartphone (12%), meglio un viaggio (33,5%) che un abito all’ultima moda (19%). Si preferisce questa tipologia di acquisto perché più gratificante (61%), dura nel tempo grazie ai ricordi (56%), fa vivere emozioni (48%) e spesso si è in compagnia (41%).

Sono soprattutto le donne, 63% del campione, a preferirla contro il 53% degli uomini. Emerge da un sondaggio della società Tappeto Volante, realizzato tra 2600 internauti di ambo i sessi, tra i 25 e 60 anni.

Quali sono gli acquisti che ci rendono più appagati?

people-2569551_1920

A farla da padrone sono i biglietti per un concerto o uno spettacolo teatrale (35%) seguiti a distanza ravvicinata dai viaggi (33,5%). Per gli italiani sono soldi ben spesi anche quelli per una cena di qualità fuori con gli amici (29%).

Ai piedi del podio il primo desiderio materiale: arredare e rendere più accogliente la propria casa con accessori e oggetti di design appaga il 24,5% degli intervistati.

Mentre al quinto posto gli abitanti dello stivale indicano gli acquisti dedicati alla cura della persona (21%) come i trattamenti antistress, i massaggi e le sedute estetiche.

E se anche siamo noti nel mondo come il Paese dello stile e del ben vestire, l’acquisto di abiti all’ultima moda viene ritenuto fonte di gioia solo dal 19% del campione. Al settimo posto le attività sportive (abbonamenti palestra, piscina, corsi di ballo ecc.) con il 18% delle preferenze e solo in ottava posizione i regali, di qualsiasi natura, per qualcun altro (16%).

Chiudono la top ten degli acquisti più “felici“: aggiungere un libro alla biblioteca personale  (13,5%) e gli acquisti tecnologici (12%, smartphone, tablet, PC ecc.), ormai ritenuti più una necessità per stare a passo con i tempi che un vezzo.