Chiara Ferragni e Fedez: “abbiamo detto di no al Qatar”

Jenny Bertoldo
  • Laureata in Filologia moderna
15/12/2022

Quando si parla di soldi in molti sono disposti tranquillamente a sporcarsi la coscienza o le mani, e infatti sono tantissimi i personaggi celebri pagati al Qatar per sponsorizzare il paese durante i mondiali di calcio. Chiara Ferragni e Fedez invece, nonostante l’offerta ricevuta, hanno detto di no.

Chiara Ferragni e Fedez: “abbiamo detto di no al Qatar”

Durante una recente live Fedez ha rivelato:

Ci avrebbero pagato per andare in Qatar, ma noi abbiamo detto di no.

Anche Chiara Ferragni ha detto la sua:

E poi vedere fashion icon mette un po’ tristezza. Si parla tanto di diritti e poi… anche brand italiani che poi si sono esposti, non ha senso vederli lì. Non ha molto senso secondo me.

Anche Fiorello ad Aspettando Viva Rai2 ha detto:

Si dovrebbero ritirare tutti. Un Paese dove tutti gli abitanti, ‘i qataresi’ (ride, ndr), sul loro zerbino hanno scritto ‘Diritti umani’. E loro li calpestano ogni giorno. Avete sentito cosa hanno detto degli omosessuali? Tutti i tifosi e gli addetti ai lavori saranno chiusi in una Fan Zone, in uno spazio ristretto, e se poi escono da lì saranno arrestati.

Chiara Ferragni e Fedez dico no alla corruzione per il Qatar

Chiara Ferragni e Fedez: “abbiamo detto di no al Qatar”

Dua Lipa su Twitter ha spiegato di essersi persino rifiutata di esibirsi ai mondiali di calcio e di essere del tutto contraria ai valori (più che altro inesistenti) del Qatar:

No, non mi esibirà alla cerimonia di apertura di questi mondiali. Farò il tifo per l’Inghilterra da lontano e non vedo l’ora di visitare il Qatar quando avrà rispettato tutti gli impegni in materia di diritti umani che aveva preso quando ha vinto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo. Certe convinzioni di quel paese vanno contro i miei valori. Il Qatar prendendo i Mondiali di Calcio ha preso impegni sui diritti umani, ma non sono stati rispettati in modo soddisfacente. Né sui diritti dei lavoratori migranti, né sui diritti delle donne, né sui diritti della comunità LGBT+, né sul diritto di libertà di espressione. Che tipo di messaggio manda se questi impegni per loro non significano nulla? Personalmente non ho nulla contro il Qatar, ma non mi piace essere finita nella lista dei cantanti che si sarebbero esibiti alla cerimonia d’apertura.